Fii: punta 800 milioni sulle pmi (MF)


Capitali per la crescita. Il target sono le piccole e medie imprese, quelle che rientrano in un range di fatturato di 20-250 milioni, che abbiano però una robusta solidità patrimoniale, siano profittevoli e abbiano business plan espansivi. Sono questi i paletti del nuovo progetto lanciato dal Fondo Italiano d’Investimento (FII) per il nuovo veicolo che andrà a sostenere il tessuto imprenditoriale nazionale – oltre il 90% è rappresentato da pmi – con una dotazione complessiva finale di 800 milioni (il primo target di raccolta è stato fissato in 400 milioni).

Il tutto in una prospettiva di medio-lungo termine. Comprando però partecipazioni di minoranza e lasciando le redini dell’azienda all’industriale di turno. Ieri, il cda di FII sgr, presieduto da Andrea Montanino e guidato dall’ad Antonio Pace, ha approvato il lancio del fondo di private equity Fimic (Fondo Italiano di Minoranze per la Crescita). «Il progetto è figlio del primo progetto di FII che, lanciato nel 2010, fece 34 investimenti con quote di minoranza. Oggi, dopo quella esperienza, ci mancava un veicolo che avesse tale caratteristica», commenta a MF-Milano Finanza, lo stesso presidente Montanino. «In questa fase è importante avere strumenti di mercato che sostengano le imprese con piani ambiziosi di crescita, sostenendo l’imprenditore nella guida operativa».

red

Lascia un commento