Fisco: Corte Conti, recuperati quasi 300 mln all’Erario in 2019


In sede di esecuzione, da gennaio a dicembre 2019, è stata recuperata all’erario la somma di quasi 300 mln di euro (299.061.268 euro), per lo più riferita a sentenze pronunciate negli anni precedenti. A questi importi vanno aggiunti quelli conseguiti spontaneamente, ovvero nel rito monitorio.”.

Lo ha detto il Procuratore generale della Corte dei Conti, Alberto Avoli, durante la cerimonia di inaugurazione dell’Anno giudiziario 2020. Nel 2019, sono state aperte 28.722 istruttorie e promossi 1162 atti di citazione. L’importo complessivo richiesto è stato pari a 515.409.803 euro, mentre le somme garantite in sede cautelare sono state di euro 100.566.326. Nel medesimo anno, l’importo complessivo delle sentenze di condanna in primo grado passate in giudicato è stato di euro 95.958.889, a fronte di euro 455.682.697 totali di condanna.

In secondo grado, l’ammontare definitivo delle condanne è stato di euro 24.216.989. In altre parole, nel corso dell’anno, si sono formati titoli esecutivi per le amministrazioni pubbliche complessivamente pari ad euro 120.175.878. La Procura generale ha depositato 848 memorie in sede di appello e 71 ricorsi e controricorsi in Cassazione. Ha altresì depositato memorie scritte ovvero pronunciato requisitorie orali in 28 udienze delle Sezioni riunite in composizione ordinaria e speciale.

pev/alu

Lascia un commento