Fondazione Italia-Cina: “L’Italia al centro della Via della Seta, da protagonista”

ROMA – Venezia sede istituzionale europea della Via della Seta, i porti italiani al centro dei traffici del Mediterraneo, gestiti da grandi joint venture che vedano al centro le nostre grandi aziende della logistica accanto a quelle cinesi, in posizione di parità e in modo da ripartire i profitti. E’ la Via della Seta nella visione della Fondazione Italia-Cina, organizzazione che raggruppa oltre 200 imprese italiane e cinesi che operano nel nostro Paese, incluse alcune associazioni legate a Confindustria e alcune società pubbliche, tra le quali Invitalia. “Noi abbiamo due scelte: – dice il direttore generale della Fondazione, Vincenzo Petrone, ex ambasciatore in Giappone e Brasile e già ai vertici di società leader della cantieristica navale italiana e internazionale –  o decidiamo che abbiamo paura dei cinesi, e quindi li facciamo solo scaricare nei nostri porti, e vietiamo loro di investire, una posizione assurda dalla quale non trarremo…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer