Gli italiani tornano “formichine”: crescono risparmi e potere d’acquisto

Repubblica

MILANO – Migliora la situazione finanziaria delle famiglie italiane, che tornano anche a risparmiare. Sono i tratti salienti della rilevazione Istat sul terso trimestre del 2017, periodo durante il quale la propensione al risparmio delle famiglie consumatrici è aumentata di 0,5 punti percentuali, salendo all’8,2%: si pone così fine a un periodo di quattro cali consecutivi, ovvero dopo un anno di magra per i salvadanai degli italiani.
Altra buona nuova è che il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è aumentato nel terzo trimestre del 2017 dello 0,7% e del 2,1% su base annua: una “crescita significativa” secondo l’Istat. E lo stesso vale per il potere d’acquisto, salito dello 0,8% sul rispetto al trimestre precedente e dell’1,1% in termini tendenziali. Se gli italiani hanno assunto un atteggio da “formichine”, il rovescio della medaglia si vede nel fatto che i consumi non si sono mossi tanto, con una crescita dello 0,2% trimestrale.
Quanto invece ai conti pubblici, l’indebitamento netto in rapporto al Pil nel terzo trimestre del 2017 è stato pari al 2,1%, a fronte del 2,4% nel corrispondente trimestre del 2016, segando così un “miglioramento” di 0,3 punti percentuali. Complessivamente, nei primi tre trimestri si è registrato un deficit pari al 2,3% del Pil, anche qui “in miglioramento” di 0,2 punti sullo stesso periodo dell’anno precedente, così da toccare il valore più basso dal 2007 (sempre guardando ai primi nove mesi).
Per le aziende, qualcosa si muove sul fronte fiscale: nel terzo trimestre del 2017 la pressione fiscale è stata pari al 40,3%, in riduzione di 0,4 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Si tratta del valore più basso dal 2011. Anche il dato relativo ai primi nove mesi del 2017, pari al 40,2%, è il più contenuto da sei anni.