Economia

Goldman Sachs Asset Management vede una maggiore competizione tra le asset class

Si intravedono progressi verso un atterraggio morbido negli Stati Uniti, alla luce della buona tenuta del mercato del lavoro mentre in Cina e improbabile a breve termine una inversione a ‘U’ nella politica zero-Coronavirus. Nel frattempo, un inverno più freddo della media potrebbe aggravare la crisi energetica dell’Eurozona e accentuare il rischio di recessione, sebbene la percentuale dello stoccaggio del gas sia quasi al 90%.

Sono queste le principali osservazioni macroeconomiche illustrate nel Market Pulse di novembre a cura di Goldman Sachs Asset Management. Nel report, i professionisti della casa d’investimento fanno notare come la crescita del reddito negli Stati Uniti suggerisca un probabile aumento dei consumi reali nel 2023, aumentando l’opportunità che la Fed debba aumentare i tassi più di quanto allo stato attuale previsto dal mercato per mantenere la crescita del PIL al di sotto del potenziale. Anche il settore abitativo pone rischi in calo per il PIL in tutte le economie del G10. “La ricerca sugli investimenti globali di Goldman Sachs (GIR) prevede un ribasso dei prezzi nominali delle case dal picco di all’incirca 15% in Canada, 5-10% negli Stati Uniti e meno del 5% in Inghilterra” fanno sapere i manager di Goldman Sachs Asset Management

Continua la lettura

** Il presente articolo e stato redatto da FinanciaLounge

Goldman Sachs Asset Management vede una maggiore competizione tra le asset class

Goldman Sachs Asset


FIMA2931#

Show More