Dow Jones

Governo: grandi manovre per il Recovery (Mi.Fi.)



L’equazione del Recovery Plan è molto semplice: «fai le riforme avrai i soldi, non fai le riforme non avrai i soldi». Click. È cartesiana e spietata insieme l’autorevole fonte europea che spiega da Bruxelles quale sia la ricetta migliore per incassare i fondi del Next Generation Eu. Vale per tutti, vale per l’Italia che di soldi ne deve avere più di tutti, quei famosi 191 miliardi – cui se ne aggiungono altri per superare quota 210 – che non sono stati ancora usati ma hanno fatto scorrere migliaia di parole come se fosse tutto fatto.

Ma tra il dire e il fare, tra Mario Draghi a Palazzo Chigi, la cui sola presenza ha fatto guadagnare alla Borsa 60 miliardi di euro in sei mesi di governo come spiega un’inchiesta di Milano Finanza su questo numero, e Mario Draghi preda delle mattane politiche del semestre bianco c’è il mare. Anzi ci sono 53 (cinquantatre) riforme da mettere in piedi da qui al 2026, di cui 33 entro il 2021. Lo dice l’Italia stessa nel suo Piano Nazionale di Riforme e Resilienza, ci crede la Commissione che queste riforme esige per erogare i fondi, lo impone la situazione di un Paese che pur crescendo del 6% può sprofondare di nuovo nei mille lacci e lacciuoli che lo avviluppano quando la sbornia post Covid e post Draghi da solidarietà nazionale sarà passata.

Per ora, come la fantastica Nazionale di Atletica, oro nei 100 metri e nella staffetta 4×100 alle Olimpiadi di Tokyo (come se sulla luna ci fossimo andati noi e non gli americani), l’Italia di Draghi ha mostrato una grinta da sprinter nell’incassare i 25 miliardi di acconto comunitari prima della pausa estiva. In poco tempo, partendo dall’impianto e dal lavoro fatto dall’esecutivo di Giuseppe Conte, l’esecutivo guidato dall’ex banchiere centrale ha centralizzato le decisioni a palazzo Chigi, blindata la cassa al Tesoro – dove nascerà un’apposita Direzione generale – e dato il via ad analoghe strutture di missione nei dicasteri di spesa, a partire da quelli della transizione Ecologica e dei Trasporti, guidati rispettivamente da Roberto Cingolani ed Enrico Giovannini, che per ora si sono fatti notare per le molte dichiarazioni volenterose, i tanti fogli excel e le scarse concretizzazioni. Ma dopo le parole, l’entusiasmo retorico trainato dai successi nei cinque cerchi o sui campi di calcio, arriva la maratona. Quella di tutti i giorni che prevede una drastica velocizzazione dei processi decisionali, lo snellimento della burocrazia, l’indizione dei bandi, la scelta dei migliori progetti. Saremo in grado di sfatare la tradizione di specialisti in manovre d’emergenza, vittorie ai rigori, ma fallimentari nelle corse a tappe? Di aiuti, per fortuna, ce ne saranno.

A Bruxelles hanno già spiegato a dovere che saranno a fianco dei tecnici incaricati dall’esecutivo di scrivere progetti, metterli a bando e seguirne la messa a terra. Lo ha sottolineato a questo giornale il capo della Dg Riforme Mario Nava in una bella e lunga intervista qualche tempo fa. «L’Italia è tra i paesi membri che hanno più beneficiato della nostra expertise. Finora, da quando esiste la Dg, abbiamo dato supporto all’Italia su 49 progetti e ce ne sono in cantiere altri 10 per il 2021. Il fondo paga i costi mentre la facility (lo strumento) paga la performance e quindi per la facility bisogna avere un piano e in questo piano devono esserci la valutazione dei costi, degli obiettivi intermedi, degli obiettivi finali. Si devono rispettare gli obiettivi intermedi e gli obiettivi finali e poi c’è il pagamento, dopo il primo anticipo del 13% il restante sarà corrisposto al raggiungimento di milestone e target». Era giusto ricordare questo passaggio del colloquio con Nava perché sarà fondamentale non perdere di vista l’obiettivo finale per non perdere i soldi, cammin facendo e al Quirinale pensando. Non si andrà a Bruxelles con una valigia per riempirla, sarà la Commissione a farlo ma solo se lo zaino sarà quello giusto.

fch

(END) Dow Jones Newswires

August 09, 2021 02:18 ET (06:18 GMT)

Segnali:

Le grandi manovre dei leader per il dopo Mattarella: Draghi tra Palazzo Chigi e Quirinale
In gioco ci sono insieme la presidenza della Repubblica, il governo e il destino della legislatura ... se non sapranno trovare un metodo condiviso per l’elezione del successore di Sergio ...
Il governo azzera i rincari per le famiglie più povere e per le imprese si pensa alla rateizzazione
8 saranno usati per annullare gli oneri di sistema per le utenze elettriche fino a 16,5 kilowattora, ovvero quelle domestiche Il governo ha confermato ieri in consiglio dei ministri lo ...
Ex specializzandi. Consulcesi: “Con governo Draghi in arrivo accordo transattivo per loro”
Richiamo anche da Bruxelles, il vice-presidente del Parlamento Ue, Castaldo: “Recovery fund e presupposti per trovare soluzione”. Il senatore di maggioranza Pagano in pressing sul governo e ...
Governo, Mulè: "Mi auguro che Draghi resti dov'è"
"Questo governo è nato per rispondere alla crisi sanitaria, economica e sociale, la prima non è conclusa, quella economica si sta affrontando, nel 2022 dopo il Pnrr dobbiamo mettere in campo i ...
Giovani al lavoroCome il governo è intervenuto sui contratti di apprendistato e di stage
Nella legge di bilancio per il 2022 il governo Draghi ha inserito provvedimenti per favorire l’occupazione giovanile, inclusi l’apprendistato e gli stage extracurriculari. Il presidente del ...
Legge di Bilancio, il governo pone la fiducia alla Camera. Proteste e “buu” dai banchi di Fratelli d’Italia – Video
Il governo ha posto la fiducia – che verrà votata domani – alla legge di Bilancio, dopo l’esame alla Camera dei deputati. Dopo l’annuncio del ministro Federico D’Incà, si sono levate ...
"Mai Berlusconi al Colle o il governo cadrà subito"
Il Pd avverte i partiti che fanno parte dell’esecutivo Draghi: Il Cavaliere al Colle mai e poi mai. Mentre sono partite le grandi manovre ... Metti mi piace su Facebook per vedere notizie ...
Quirinale, Letta ai suoi del Pd: chi segue Renzi con le destre farà cadere il governo
L’ex segretario Pd è in fase di grandi manovre. Se una parte dei dem, anche limitatissima, dovesse seguirlo sulla strada di un nome divisivo per il Colle, l’effetto collaterale inevitabile sarebbe la ...
Buio sul Colle: se Berlusconi cerca voti, a chi rivolgersi se non all’allievo Matteo?
In molti scommettono, danno per ... il governo che fanno a gara nell’imbullonarlo a Palazzo Chigi: B., forzaitalioti e italovivi in primis, ma non solo. Da più parti si sollevano grandi ...
Tuttosport in prima pagina: "Juve, Inter e Milan grandi manovre: Zakaria, Brozovic, Pioli"
"Juve, Inter e Milan grandi manovre: Zakaria, Brozovic, Pioli" scrive Tuttosport in apertura quest'oggi. Pressing Zakaria per la Juventus: il mediano e Vlahovic piste calde per gennaio. Cherubini è ...
Berlusconi convoca un vertice per tenere d’occhio gli alleati
Il capo dello stato chiede “spirito collaborativo nelle istituzioni”. Letta rilancia sulla legge Zan, ma è un diversivo. I giallorossi rischiano di essere tagliati fuori dalle manovre per ... 450 ...
Perosino (Forza Italia) sulla Provincia: “Proveremo a ricompattare le forze”
Gli azzurri escono ringalluzziti dal voto, ma tendono la mano. Il senatore e sindaco di Priocca, indicato come possibile ...

Government: major recovery maneuvers (Mi.Fi.)

The Recovery Plan equation is very simple: "you make the reforms you will have the money, you do not make the reforms you will not have the money". Click. At the same time, the authoritative European source is Cartesian and ruthless, explaining from Brussels what is the best recipe for collecting the funds of the Next Generation Eu. It applies to everyone, it applies to Italy which must have more money than all, those famous 191 billion - to which others are added to exceed 210 - which have not yet been used but have scrolled through thousands of words as if it were all done.

But between saying and doing,