Guerra dei nervi tra la Rai e i produttori esterni. A rischio la “Corrida”. L’ad Salini: fare in casa a costi più bassi

ROMA – La tensione tra la Rai e il produttore tv Magnolia – uno dei maggiori in Italia, parte del colosso internazionale Banijay – è sopra il livello di guardia. Al punto da mettere a rischio la Corrida di Carlo Conti che Magnolia dovrebbe fornire a RaiUno. Prima puntata il 22 marzo.

La lite nasce dalla cancellazione, ormai certa, del Paradiso delle Signore (prodotto da Aurora Tv, società che è – come Magnolia –  nel gruppo Banijay). L’ad della Rai Fabrizio Salini considera questa soap un lusso ormai “insostenibile”, perché gravata da costi di produzione per 17 milioni l’anno.

Fonti parlamentari sostengono che Aurora Tv, produttore della soap, fosse disponibile ad abbassare la sua richiesta a 13,5 milioni. Ma la trattativa sui costi non è decollata e il Paradiso delle Signore non riprenderà, quantomeno non sulla televisione di Stato, nella prossima…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer