Guida per il riscatto della laurea (con un occhio ai fondi pensione)

«La pensione comincia dagli anni di studio», con questo titolo si apre la Guida rapida dell’Esperto risponde – in edicola lunedì 18 marzo con Il Sole 24 Ore – dedicata al riscatto della laurea alla luce di quanto viene ora permesso dal Dl 4/2019. La Guida descrive – tra l’altro – le modalità di calcolo e gli effetti per i 3 tipi di riscatto oggi possibili: quello standard, quello light riservato alle gestioni Inps e introdotto proprio dal Dl 4/2019 e quello riservato agli inoccupati, ossia i laureati che non hanno mai versato alcun contributo e per i quali il riscatto può essere effettuato da chi li ha fisicamente a carico (un genitore, nei casi più frequenti).

La Guida contiene anche una serie di casi risolti ed esemplificativi, spiegati attraverso le risposte operative ad alcune domande concrete: modalità di calcolo, fiscalità, requisiti e vantaggi derivanti dall’opzione. Infine, un articolo è dedicato all’alternativa offerta dall’adesione ai fondi pensione.
Ma, alla fine, conviene davvero riscattare la laurea? Oppure è meglio puntare sulla principale scelta concorrente in campo previdenziale e iniziare il versamento di un contributo volontario a un fondo pensione? Tre simulazioni per decidere.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer