Notizie

I giapponesi credono ancora nel motore a scoppio

UN TEAM PER SALVARE I MOTORI – La Toyota non e da sola nella missione di salvare il buon vecchio motore a combustione interna: al gruppo complessivo capitanato da Akio Toyoda si sono difatti uniti Subaru, Kawasaki, Yamaha e Mazda. Questa collaborazione a 5 e stata annunciata sul circuito di Okayama, nel Giappone occidentale, che vede Toyota correre con un’autovettura dotata di motore convenzionale modificato per funzionare a idrogeno invece che con i convenzionali benzina, gasolio o gas. Il sodalizio idrogeno e competizioni era gia stato enfatizzato da Aiko Toyoda che anzi aveva guidato personalmente una Corolla a idrogeno nel campionato Super Taikyu Series 2021 (qui per saperne di più) e continuerà nel campionato. Il team dei 5 costruttori si popone di a mantenere in vita i motori a combustione interna usando sia l’idrogeno sia i combustibili bio.

VERSO LA NEUTRALITÀ RISPETTO AL CARBONIO – ll manifesto di questo gruppo e sintetizzato in questa frase: “Toyota crede che le scoperte tecnologiche, come l’uso dell’idrogeno, possano dare ai motori a combustione interna una nuova prospettiva di vita, salvando posti di lavoro e l’ambiente. E un confronto sulla strada migliore per la neutralità del carbonio”. Un dichiarato stampa congiunto spiega poi che “Promuovendo un’ulteriore collaborazione nella realizzazione, trasporto e utilizzo di carburanti in combinazione con motori a combustione interna, le 5 società mirano a fornire ai clienti una scelta più ampia”. Le automobili a batteria non sono lasciate da parte e Subaru puntualizza che “attraverso la via che porta alla neutralità rispetto al carbonio, Subaru e Toyota stanno promuovendo sforzi che includono l’elettrificazione dei mezzi introducendo i veicoli elettrici a batteria Subaru Solterra e Toyota bZ4X (qui per saperne di più) sviluppati congiuntamente, il cui lancio complessivo e previsto a metà del 2022″. 

IDROGENO E BIODIESEL DA CORSA – Il programma di questo gruppo di costruttori e partecipare a prove che utilizzano carburanti a emissioni zero,

 » Leggi