I prodotti falsi costano all’Italia 20 miliardi e 88mila posti di lavoro

Un mercato che cresce di anno in anno, arrivando a quota 460 miliardi quando erano soltanto 338 nel 2016. E un contraccolpo sul lavoro regolare, che può supportare meno addetti a vantaggio di quelli che stanno nell’ombra.

Il mercato dei prodotti contraffatti registra una crescita “considerevole”: il suo valore, secondo un rapporto diffuso nei giorni scorsi dall’Ufficio Ue per la proprietà intellettuale (Euipo) e dall’Ocse, ha toccato i 460 miliardi di euro contro i 338 miliardi del 2016. La sua quota sul totale del commercio mondiale è quindi salita dal 2,5 al 3,3%. Per i soli Paesi Ue, il documento indica che la quota di merci contraffatte o pirata importante nei 28 ha raggiunto i 121 miliardi di euro, cioè il 6,8% delle importazioni complessive. I Paesi più colpiti dal fenomeno sono gli Usa, la Francia, l’Italia, la Svizzera, la…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer