Iccrea B: su Btp Italia raccolto 11,3% degli istituzionali


Si è chiuso oggi il collocamento della sedicesima emissione del Btp Italia 26 maggio 2025, con la partecipazione di Iccrea Banca, per la sesta volta, nel ruolo di Co-Dealer.

L’operazione, spiega una nota, ha visto il coinvolgimento di tutte le Banche del Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, a conferma del profondo impegno espresso dalle Bcc del guppo verso l’iniziativa di carattere nazionale legata all’emergenza Covid-19.

Anche in questa occasione, le sottoscrizioni raccolte da Iccrea Banca per conto delle Bcc coinvolte hanno rappresentato una percentuale significativa, pari al 5,7% del comparto retail, all’11,3% del comparto istituzionale, con una quota complessiva di partecipazione pari al 7,8% dell’intero ammontare emesso.

A livello nazionale, l’importo complessivo emesso, pari a circa 22,3 miliardi di euro, è stato sottoscritto nella prima fase dedicata al retail per circa 14 miliardi di euro, mentre i restanti 8,3 miliardi di euro sono stati assegnati agli investitori istituzionali. Agli investitori retail, come di consueto, è stato assegnato l’intero ammontare richiesto. Agli investitori istituzionali, a fronte di ordini per 19,5 miliardi di euro, è stato applicato un coefficiente di riparto pari al 42,5%.

“Siamo orgogliosi che il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea abbia risposto, unito e con senso di responsabilità, a sostegno dell’emergenza che ha travolto il Paese negli ultimi mesi – commenta Mauro Pastore, Direttore Generale del Gruppo Iccrea – e i risultati confermano la forte relazione che unisce le BCC al territorio e il ruolo indispensabile che ogni BCC svolge all’interno della propria comunità. Un segnale, questo, che conferma il forte impegno del Gruppo Iccrea verso questa fondamentale fase di ripartenza economica e sociale dell’Italia”.

I proventi del collocamento del BTP Italia saranno interamente utilizzati per finanziare i recenti provvedimenti del Governo a supporto del sistema sanitario, per la salvaguardia del lavoro e a sostegno dell’economia nazionale.

com/cce

Lascia un commento