Il Consiglio dei ministri ha dato ilvia libera al decreto per il taglio del cuneo fiscale. Slittano al 27 gennaio le nomine dei vertici delle agenzie fiscali


Il Consiglio dei ministri ha dato ilvia libera al decreto per il taglio del cuneo fiscale. Slittano al 27 gennaio le nomine dei vertici delle agenzie fiscali

Il Consiglio dei ministri ha dato i lvia libera al decreto per il taglio del cuneo fiscale. Dopo un tiro e molla durato tutto il giorno, il governo trova la quadra e licenzia il testo elaborato dai tecnici del Mef.Il provvedimento, 5 articoli complessivi, prevede per il periodo che va dal 1° luglio al 31 dicembre di quest’anno un’integrazione al reddito pari a 600 euro, per i redditi di lavoro dipendente e assimilati a partire da 8.200 euro fino a 28mila euro. Viene poi introdotta una nuova detrazione che interessa i redditi da oltre 28mila euro che vale 600 euro e che va progressivamente riducendosi con il crescere del reddito, fino ad azzerarsi a quota 40mila euro.Un costo da 3 miliardi di euro nel 2020 Il Dl prevede l’applicazione dell’intervento per il solo 2020 con un costo di 2,947 miliardi per quest’anno…

fonte