Il Garante fa dietrofront sulle bollette che arrivano tardi. Niente data d’invio sulla busta

ROMA – Il Garante delle Comunicazioni (l’AgCom) cerca una soluzione per le bollette ritardatarie. Ci sono famiglie, in Italia, che ancora oggi ricevono in ritardo la bolletta della luce, del gas, dell’acqua. A volte dopo la data di scadenza per il pagamento. A volte la bolletta non arriva per niente.

Il Garante ha prima ipotizzato un sistema sempice ed efficace per risolvere il problema. Sulla busta che contiene la bolletta, oppure sulla bolletta stessa, sarebbe comparsa la data di spedizione, prova dell’eventuale inefficienza dell’operatore postale. Ma adesso il Garante torna sui suoi passi e immagina una strada meno efficace e meno utile per le famiglie.

Supponiamo che un utente riceva tardi la bolletta oppure che non la riceva. Colpito dagli interessi di mora per il ritardato pagamento o magari dal distacco dell’utenza, questo utente presenterà un reclamo alla…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer