Imprese: su Aim +29% a/a crescita media ricavi 2019


Grafico Azioni Nvp (BIT:NVP)
Intraday

Oggi : Martedì 4 Febbraio 2020

Clicca qui per i Grafici di Nvp

L’Osservatorio Aim di IR Top Consulting, boutique finanziaria leader in Italia nella consulenza su Equity Capital

Markets, ha esaminato la disclosure delle 16 società Aim Italia (12% del mercato) che al 4 febbraio hanno comunicato al mercato i risultati preconsuntivi al 31 dicembre 2019.

Anna Lambiase, fondatore e Ceo, IR Top Consulting ha dichiarato tramite una nota che i dati emersi “dalle analisi del nostro Ufficio Studi

sono positivi: ad oggi 16 società Aim hanno adottato una disclosure volontaria sui risultati preliminari dell’esercizio 2019, segno di un efficiente controllo di gestione e di una attenzione al dialogo con gli investitori. Le Pmi del mercato Aim proseguono un percorso di crescita: in media la variazione dei ricavi 2019 rispetto al 2018 è pari a +29%. Cinque i settori che hanno fornito disclosure: Moda e Lusso, Finanza, Tecnologia, Industria, Media. Il mercato Aim continua a proporre interessanti opportunità di investimento nel medio-lungo termine,

spesso sottovalutate rispetto alla media di settore e con un significativo upside rispetto alle valutazioni degli analisti”.

In ambito Moda/Lusso emerge Gibus, storico brand dell’outdoor design, prima società su Aim a comunicare al mercato il 10 gennaio i ricavi 2019, che crescono del +20% passando da 34 milioni di euro nel 2018 a 41 milioni di euro nel 2019 trainati dalla performance del segmento lusso che registra ricavi pari a 16 milioni di euro (+40% rispetto al 2018) e rappresenta il 41% del totale (35% nel 2018). La società presenta un Ev/Ebitda 2019 pari a 4,9 volte, rispetto a una media di settore su Aim pari a 7,7 volte e un potenziale upside rispetto alle stime degli analisti del 57%. Segue Fope, azienda orafa fondata nel 1929, famosa per la linea Flex’it costruita su un sistema brevettato di minuscole molle in oro nascoste tra le maglie, che chiude il 2019 con ricavi a 35 milioni di euro in crescita del +12%; la società presenta un Ev/Ebitda 2019 pari a 7,1 volte e un potenziale upside del 32%.

Nel settore Finanza Confinvest si distingue registrando la performance più elevata del mercato con ricavi 2019 pari a 27 milioni di euro, +84% rispetto al 2018. Conto Lingotto è in fase di sviluppo e i primi test della applicazione mobile sono stati avviati a dicembre 2019. Ad oggi è stato completato oltre il 70% delle funzionalità del middleware (infrastruttura backend per l’amministrazione e servizi innovativi integrati con la normativa PSD2). La conclusione della prima fase del progetto è prevista entro il primo trimestre 2020 e il lancio sul mercato nel primo semestre 2020. Nello stesso settore Net Insurance registra premi Vita e Danni pari a 83 milioni di euro, +33% rispetto al 2018.

Nel settore Media Nvp è la società con la performance più elevata: ricavi per 7,3 milioni di euro, +59% rispetto a 4,6 milioni di euro nel 2018; Pmi Innovativa attiva nella realizzazione end-to-end di contenuti per network televisivi e servizi broadcasting, segna una crescita a doppia cifra sia in Italia (+49%) che all’estero (+100%) e contrattualizza nuovi importanti clienti come Dazn, Olympic Broadcast Service (Obs) e una primaria casa automobilistica italiana. Nello stesso settore Digitouch registra una crescita sia dei ricavi, pari a 36 milioni di euro ed in crescita del 20% rispetto al 2018, sia dell’Ebitda, che si attesta a 5,8 milioni di euro: +17% a/a. Blue Financial Communication registra infine un fatturato pari a 8,1 milioni di euro, +49% rispetto al 2018. Tutte le società del settore Media presentano un significativo upside potenziale: Nvp +56%, Digitouch +71%, Blue Financial Communication +92%.

Notorious Pictures, tra le società di riferimento in Italia nel settore media and entertainment grazie alla consolidata presenza nella produzione e distribuzione di opere filmiche e oggi a capo della catena Notorious Cinemas, ha comunicato incassi al box office per l’anno 2019 pari 17 milioni di euro con una crescita al +21%, superiore anche alla media del mercato italiano.

Molto interessanti anche le dinamiche dei settori Industria e Tecnologia. Nel settore Industria 5 società anticipano le performance 2019. Comer Industries, player globale nella progettazione e produzione di sistemi avanzati di ingegneria e soluzioni di meccatronica per la trasmissione di potenza, chiude il 2019 con ricavi a 404,6 milioni di euro, migliore risultato ottenuto nei 50 anni dall’azienda, in crescita del +6,7%. Energica Motor Company, leader nel mondo per le moto elettriche di alta gamma ed elevate prestazioni, prevede un fatturato 2019 pari a circa 3,25 milioni di euro (+50% rispetto al 2018), registrando nei primi dieci giorni di gennaio un portafoglio ordini pari al 40% dell’intero fatturato 2019. Icf Group, tra gli operatori di riferimento a livello internazionale nel settore degli adesivi e tessuti ad alto contenuto tecnologico, ha registrato ricavi pari a 71,6 milioni di euro, con una quota estera pari al 67%. In particolare, aumenta l’Ebitda che si attesta a 8,8 milioni di euro, +3,5% rispetto al 2018, e la marginalità, pari al 12,3%, in rialzo di 160 punti base rispetto al 10,7% del 2018, nonché un significativo miglioramento della Pfn che passa da 9,7 a 3,6 milioni di euro. Grifal ha conseguito un valore della produzione di 21,8 milioni di euro, in crescita di circa l’11% rispetto al 2018, e un Ebitda pari a 2,5 milioni di euro (+15% a/a). Anche Clabo, società di riferimento nel mondo per vetrine di design ad alto contenuto tecnologico per gelaterie e pasticcerie, ha reso noti i dati delle vendite nette pari a 49 milioni di euro con una crescita dell’11% rispetto al 2018 e ricavi consolidati pari a circa 55 milioni di euro.

Nella Tecnologia Amm ha annunciato ricavi proforma pari a 14,4 milioni di euro, +24,5% rispetto al 2018; crescita double digit anche per l’Ebitda proforma, pari a 2,4 milioni di euro, in crescita del 69,1 % rispetto al 2018. Digital Value ha registrato ricavi consolidati pari a circa 365 milioni di euro, in aumento di oltre il 20% rispetto al 2018. FOS comunica ricavi netti, pari a circa 9,6 milioni di euro, in crescita di circa il 22% rispetto al 2018 (7,9 milioni di euro). Mailup annuncia un incremento dei ricavi pari al 52,5% (60,5 milioni di euro), con una crescita organica pari al 25%.

Il mercato Aim, che ha registrato negli ultimi anni il maggior numero di collocamenti, conta, al 3 febbraio 2020, 130 società con un giro d’affari nel 2018 pari a 5,2 miliardi di euro, una capitalizzazione di 6,6 miliardi di euro e una raccolta di capitali in Ipo pari a circa 3,9 miliardi di euro, di cui, in media, il 93% proveniente da nuova emissione di titoli. La raccolta è pari a 4,6 miliardi di euro includendo le operazioni sul secondario. I settori più importanti in termini di numero di società sono: Industria (18%), Tecnologia (18%) e Finanza (16%). Le regioni maggiormente presenti su Aim sono: Lombardia (41%), Emilia-Romagna (14%), Lazio (11%) e Veneto (8%). Il mercato Aim conta 48 Pmi innovative. In 10 anni sono approdate 183 società.

com/sda

susanna.scotto@mfdowjones.it