Dow Jones

Industria: produzione a +5% ma materie prime a prezzi record



“La produzione industriale ha raggiunto un nuovo picco storico registrando a giugno il +4,7% e non accadeva dal 2019. Un segnale importante e non solo di ripartenza dopo il lungo stop dello scorso anno ma di recupero degli ordini persi a causa della pandemia. Questa ripresa è sinonimo di fervente ottimismo dei consumatori”.

Queste le parole di Flavio Lorenzin presidente di Confimi Meccanica nel commentare i dati del primo semestre 2021.

Ma c’è di più. “Eppure – spiega Lorenzin – la ripresa economica, avvenuta in maniera repentina e in simultanea nelle principali economie mondiali ha portato con sé non poche difficoltà: un incremento dei costi di materie prime e semilavorati nonché la loro difficile reperibilità e grandi rincari nel settore delle spedizioni”. “Ad essere maggiormente colpita quindi è senza dubbio la manifattura, e il settore della meccanica in primis” chiosa Lorenzin.

A confermare la sensazione di chi vive l’impresa ogni giorno, provando a dare una spiegazione al fenomeno, è Adaci, l’Associazione Italiana Acquisti e Supply Management, che per Confimi Meccanica ha realizzato il focus “Criticità riguardanti la disponibilità di materie prime e

componentistica per la manifattura italiana”.

Scendendo nel dettaglio della forbice temporale analizzata, dicembre 2020 – giugno 2021, il rapporto evidenzia alcuni numeri: l’indice totale delle commodities su scala europea segna un +27%, se invece il discorso viene ristretto a quelle industriali si parla di un +21%.

A farla da padrone, tra i metalli non ferrosi, alluminio (+24%) e rame (21%). Cresciuti a dismisura il coils laminato a caldo che spazia da un +54% (Ue) a un +94% (Usa), le materie plastiche che oscillano da un +30% a un +140% e i prodotti chimici i cui costi sono aumentati fino al 100%.

Situazione complessa, e che attraversa indistintamente ogni settore produttivo, quella degli imballaggi: in 6 mesi, infatti, il prezzo inizialmente cresciuto del 50% ha superato di più del doppio il prezzo iniziale registrando una crescita del 120%.

Nel risiko degli scambi commerciali – tra paesi che hanno adottato misure di protezionismo introducendo dazi sulle merci in entrata e/o in uscita (Russia, Cina, Usa per fare un esempio) e nel nuovo assetto geopolitico che si è disegnato in tempi pandemici – non è rimasto illeso il costo dei trasporti: cresciuto anche fino al 40% in più quello su gomma, quadruplicato (+400%) il trasporto marittimo.

com/lde

fine

Segnali:

INDUSTRIA/ Materie prime ed energia: la tempesta perfetta dei produttori alimentari
I rincari legati alla produzione mettono sotto pressione le imprese. Che chiedono al Governo un confronto con gli altri ...
Industria: Federmeccanica, in III trim. +0,7% ma pesano crisi e costi materie prime
Roma, 16 dic. L'industria metalmeccanica prosegue la fase espansiva avviata da giugno scorso seppur con ritmi di crescita più ...
Industria: Federmeccanica, in III trim. +0,7% ma pesano crisi e costi materie prime
(Adnkronos) - L'industria ... ma su cui continua a pesare, anche nel terzo trimestre, le difficoltà di approvvigionamento delle materie prime ed il continuo incremento dei loro prezzi.
Cina, prezzi produzione rallentano da record. Inflazione a +2,3% a/a
(Teleborsa) - La crescita dei prezzi alla produzione cinesi registra una decelerazione nel mese di novembre, rispetto al livello record raggiunto ... energia e delle materie prime stanno entrando ...
Meccanica, nel terzo trimestre aumenta la produzione (+0,7%). Ma è allarme materie prime
Ma è allarme materie prime ... i volumi di produzione metalmeccanica sono cresciuti del 21,8% nel confronto con l`analogo periodo dell`anno precedente, rispetto al +14,5% dell`intero comparto ...
L’industria spingerà il Pil, ma pesa l’incognita materie prime
"Si è parlato molto degli effetti recessivi del Covid ma, in realtà ... con l'aumento dei prezzi delle materie prime e la crisi dei semiconduttori, sono molto preoccupanti.
Export e industria crescono in Italia
Bene le vendite soprattutto in Turchia (+12,5%), Giappone (+10,0%) e Cina (+4,4%) – Sulla produzione industriale (+0,2%) pesano la scarsità di alcune componenti e materie prime Dopo due mesi ...
Natural Gas: in Europa un nuovo record - Materie Prime - Commoditiestrading
Il gas naturale europeo ha messo a segno un nuovo record: non è mai stato così costoso rispetto alle forniture in arrivo dagli Stai Uniti, e proprio nel bel mezzo di una crisi energetica nel ...
Inflazione Cina: indice prezzi al consumo +2,3% a record da agosto 2020, prezzi produzione +12,9%
Ftse Mib. L indice italiano, con la brutta candela ribassista ad alta volatilità del 20 aprile scorso, si è allontanato dalla ex trend line rialzista di medio periodo costruita sui minimi ...

Industry: production up 5% but raw materials at record prices

"Industrial production reached a new historical peak, registering + 4.7% in June and had not happened since 2019. An important signal and not just a restart after the long stop last year but of recovery of orders lost due to the pandemic . This recovery is synonymous with fervent consumer optimism ".

These are the words of Flavio Lorenzin president of Confimi Meccanica in commenting on the data for the first half of 2021.

But there is more. "Yet - explains Lorenzin - the economic recovery, which took place suddenly and simultaneously in the main world economies, has brought with it many difficulties: an increase in the costs of raw materials and semi-finished products as well as their difficult availability and large increases in the shipping sector. ".