Dow Jones

Israele: vaccino Pfizer a bambini più fragili tra i 5 e gli 11 anni

Israele ha autorizzato l’uso del vaccino contro il Covid-19 di Pfizer per i bambini più fragili tra i 5 e gli 11 anni, mentre i casi connessi alla variante Delta aumentano rapidamente.

I funzionari israeliani hanno affermato che i bambini dovrebbero essere vaccinati se hanno un’alta probabilità di ammalarsi gravemente o morire per il Covid-19 a causa di problemi sottostanti come grave obesità, malattie polmonari croniche, immunodepressione o insufficienza cardiaca.

Il ministero della Salute ha affermato che ogni singolo caso avrà bisogno di un’approvazione speciale e che ai bambini verrà somministrato un dosaggio inferiore del vaccino – 10 microgrammi invece dei soliti 30 – in conformità con i dati forniti da Pfizer. Un portavoce della società ha affermato che i regimi di dosaggio dipendono dalle autorità sanitarie più che dalla società farmaceutica.

Pfizer sta testando la dose da 10 microgrammi nei bambini dai 5 agli 11 anni ma non ha ancora rilasciato dati clinici e ha detto che si aspetta di avere i risultati dello studio a settembre, quando dovrebbe chiedere alla Food and Drug Administration degli Stati Uniti di autorizzare l’uso del suo vaccino per questa fascia di età.

L’autorizzazione di Israele di ieri, una delle prime al mondo, arriva dopo che la Fda degli Stati Uniti ha aumentato il numero minimo di bambini piccoli che dovrebbero essere inclusi negli attuali studi sui vaccini contro il Covid-19 per rilevare meglio eventuali effetti collaterali. La Fda vuole comprendere meglio gli effetti collaterali, tra cui un raro problema cardiaco, noto come miocardite, che ha colpito un piccolo numero di persone.

La decisione di Israele di accelerare le vaccinazioni per i bambini vulnerabili si è basata su una valutazione dei potenziali effetti collaterali rispetto alle conseguenze di non somministrare i vaccini ai giovani a rischio, ha affermato Eyal Leshem, direttore del Centro per la medicina di viaggio e le malattie tropicali dell’ospedale Sheba in Israele. La mossa consentirà probabilmente di vaccinare centinaia di bambini a rischio, ha affermato. “Non possiamo aspettare gli studi clinici quando la malattia sta imperversando e non possiamo rinchiudere le persone a casa per mesi e mesi”, ha aggiunto.

La media di sette giorni dei nuovi casi di coronavirus in Israele è salita a oltre 1.400 ieri, rispetto ai 10 circa della prima metà di giugno. Il numero totale di persone gravemente malate è pari a 138. Più dell’80% della popolazione adulta in Israele è stata completamente vaccinata, in gran parte con il vaccino di Pfizer.

All’inizio di luglio, Israele è diventato uno dei primi Paesi a iniziare a fornire una terza dose del vaccino a individui immunodepressi, come coloro che hanno subito trapianti di organi. Il Paese è anche tornato a imporre alcune restrizioni che aveva in gran parte abbandonato dopo aver avviato la campagna di vaccinazione, come l’uso delle mascherine al chiuso e consentire solo agli individui vaccinati, a quelli che sono guariti dal virus o hanno avuto recentemente un test negativo di partecipare agli eventi. Il Governo ha cercato di gestire il virus, piuttosto che avviare un altro lockdown nazionale.

Diversi Paesi, tra cui gli Stati Uniti e Israele, stanno offrendo il vaccino di Pfizer ai bambini dai 12 anni in su. La Cina ha approvato due dei suoi vaccini, Sinovac e Sinopharm, per l’uso di emergenza nei bambini dai tre ai 17 anni. Il Regno Unito ha evitato di offrire i vaccini ai bambini sotto i 18 anni, a meno che non abbiano malattie gravi. Finora, secondo il ministero della Salute israeliano, Israele ha vaccinato con la prima dose il 41% dei bambini di età compresa tra 10 e 19 anni.

Secondo medici ed epidemiologi, la maggior parte dei bambini infetti tende a sviluppare casi lievi, se presenta sintomi. Lo studio più completo, condotto da ricercatori britannici, ha rilevato che il 99,995% tra 469.982 bambini in Inghilterra che sono stati infettati in più di un anno è sopravvissuto al Covid.

cos

(END) Dow Jones Newswires

July 28, 2021 03:55 ET (07:55 GMT)

Segnali:

[crawlomatic-scraper url=”https://www.bing.com/news/search?q=Israele: vaccino Pfizer a bambini più fragili tra i 5 e gli 11 anni&go=Search&qs=n&form=QBNT&sp=-1&pq=Israele: vaccino Pfizer a bambini più fragili tra i 5 e gli 11 anni&sc=0-55&sk=&cvid=43AE645BF1EC40E8AE6B41BA77F13FD0&setmkt=it-it&setlang=it-it” strip_scripts=”1″ query_type=”cssselector” query=”.algocore” remove_query_type=”cssselector” remove_query=”.source” strip_images=”1″ strip_links=”1″ cache=”0″ on_error=”nessun segnale”]

[crawlomatic-scraper url=”https://it.advfn.com/notizie/Israele-vaccino-Pfizer-a-bambini-piu-fragili-tra_85685093.html” query_type=”cssselector” query=”.article-headline” eq=”first” cache=”0″ translate_to=”en” translate_source=”it” output=”text”]

[crawlomatic-scraper url=”https://it.advfn.com/notizie/Israele-vaccino-Pfizer-a-bambini-piu-fragili-tra_85685093.html” output=”html” query_type=”cssselector” query=”.article-body” translate_to=”en” translate_source=”it” limit_word_count=”100″ ]

Show More