Italia Independent: perdita 2019 a 14,26 mln, rivede piano


Italia Independent ha chiuso il 2019 con una perdita di gruppo pari a 14,26 milioni di euro (-6,09 milioni euro nel 2018).

Il fatturato netto 2019 del gruppo, si legge in una nota, è pari a 7,77 milioni di euro (19,37 milioni nel 2018), l’Ebitda è negativo per 5,99 milioni (-1,18 milioni nel 2018) e la Posizione finanziaria netta è negativa per 12,65 milioni (negativa per 16,31 milioni nel 2018).

Marco Cordeddu, a.d. della società, ha dichiarato che “l’esercizio 2019 consuntiva, per Italia Independent Group, gli effetti economici pesanti ma indispensabili derivanti da una profonda pulizia di portafoglio, dalla dismissione di attività non core, dalla revisione dei valori dei nostri asset, della ristrutturazione di organizzazione e processi operativi. È stata un’attività propedeutica al piano di rilancio della società che stiamo continuando in una logica di ‘continuous improving’ in modo da

assicurare la sempre maggiore rispondenza tra la continua evoluzione della domanda e delle abitudini dei mercati e il nostro modello di business. Sono soddisfatto del lavoro fatto fino ad oggi, c’è moltissimo ancora da fare ma tutti i principali obiettivi di business come, ad esempio, il lancio della collezione CR7 sono stati conseguiti nei tempi. L’insorgere dell’emergenza Covid-19 ha rallentato la raccolta del frutto del nostro lavoro ma non pregiudicherà né i risultati né il percorso di crescita mirato a raggiungere i traguardi ambiziosi che ci

siamo posti. Anche in questo periodo emergenziale abbiamo, infatti, continuato a gettare le basi per la costruzione di una società più forte in grado di rispondere alle aspettative di tutti i nostri azionisti e del

mercato”.

Il risultato del gruppo nel 2019 riflette l’attività di intensa ristrutturazione avviata e finalizzata a creare le premesse per il rilancio delle aziende operative. In particolare, sono stati dismessi assets in perdita, chiuse attività non strategiche, riposizionato il magazzino. Si è registrato infine il mancato apporto di alcune componenti straordinarie che si erano verificate nel 2018. Infine, nell’ultimo trimestre del 2019, sono state avviate una serie di azioni volte alla selezione della reti distributive, allo scopo di concentrare l’attività di distribuzione e vendita verso quegli operatori in grado da un lato di garantire una elevata valorizzazione dei brand di fascia alta del portfolio, quali Italia Independent, Laps Collection, The Walt Disney Company, Hublot e, dall’altro, di assicurare comportamenti corretti e duraturi con la Società e servizio verso il cliente finale.

Il nuovo a.d., Marco Cordeddu, nominato il 18 ottobre 2019, ha avviato tali attività in vista della realizzazione del Business Plan 2019-2023 che la società ha approvato, quale working progress il 13 novembre 2019. Le azioni avviate sono incentrate su una revisione del modello di business basato sul mix tra una continua ricerca di partnership con Top Brands global, in grado di assicurare notorietà, allargamento delle geografie e opportunità distributive e, dall’altro, su un forte sviluppo della offerta e vendita on-line anch’essa a livello global. Gli altri fattori chiave del Piano sono la focalizzazione degli investimenti in marketing, allo scopo di costruire e sostenere una forte identità del brand e sul prodotto per mantenere il livello di creatività e innovazione che deve sempre distinguere Italia Independent.

Nel periodo 2019-2023 il Piano prevedeva una crescita dei ricavi fino a 42 milioni di euro, una riduzione dei costi di struttura e savings operativi per circa 1,7 milioni a partire dal secondo anno, e un ritorno

all’Ebitda positivo (+3,2 milioni) e all’utile (+1 milione) a partire dall’esercizio 2021. In sede di approvazione del piano, il Cda aveva inoltre preso atto della volontà dei soci Lapo Edovard Elkann e Creative Ventures di effettuare un versamento in conto futuro aumento di capitale dell’importo complessivo di 2,5 milioni di euro, a valere su futuri aumenti di capitale. Tali risorse finanziarie sono state ritenute necessarie per garantire l’immediato avvio delle strategie di rilancio previste dal Piano.

L’Assemblea della società il 4 marzo 2020 ha deliberato di attribuire al Consiglio di Amministrazione la delega per effettuare uno o più aumenti di capitale fino ad un controvalore massimo complessivo (incluso sovrapprezzo) pari a 7,8 milioni di euro, di cui 2,5 milioni di euro già

versati dai soci Lapo Edovard Elkann e Creative Ventures. La successiva convocazione del Consiglio di Amministrazione, che avrebbe dovuto deliberare il lancio dell’aumento di capitale, definendone tutti i

dettagli operativi, è stata rinviata in conseguenza della crisi dei mercati finanziari provocata da Covid-19.

I risultati del 2019, pur negativi in termini assoluti a causa delle ristrutturazioni, dismissioni e svalutazioni prima citate, non registrano significativi scostamenti rispetto ai valori previsti nel Piano per quanto riguarda l’Ebitda atteso e sono migliorativi in termini di Risultato Netto, per circa 500 mila euro. Il Patrimonio netto registrato nel 2019 pari a negativi 604 migliaia di euro verrà riportato in positivo tramite l’aumento di capitale. I primi due mesi del 2020 sono stati in linea con le previsioni sia in termini di sviluppo partnership con

l’accordo in licenza quinquennale con il brand CR7 sia in termini di raccolta ordini conseguenti al lancio della prima collezione firmata Cristiano Ronaldo & Lapo Elkann.

La crisi provocata dalla pandemia Covid-19 e il conseguente lockdown hanno una negativa ricaduta su ordini, consegne e vendite. L’impatto delle mancate vendite causate anche dalla cancellazione di un “Main

Show” di settore quale il Mido è ingente così come sono assolutamente significativi gli impatti finanziari attuali e prospettici derivanti da impossibilità di consegne e possibili cancellazioni di ordini. Peraltro, con la recentissima prospettiva di un alleggerimento delle misure restrittive e una riapertura delle attività commerciali, la società ha predisposto una revisione degli obiettivi 2020 e del business plan al 2023.

In termini sintetici l’aggiornamento di Piano prevede un 2020 in ribasso che assorbirà gran parte del l’effetto Covid-19 mentre negli anni 2021-2023 si riprenderà il percorso di crescita costante dei ricavi preventivato fino a circa 40 milioni di euro nel 2023. L’effetto combinato tra crescita di ricavi e una maggiore efficienza dei costi (già visibile nel 2020 e derivante anche al diverso mix di vendite sia geografico che di canale) porterà la società a una sostanziale parità di Risultato netto nel 2021 e a un 2022 con una stima di Ebitda di 5,8

milioni di euro e un risultato netto superiore a 3,0 milioni di euro.

La recente riapertura delle attività commerciali ha visto la società subito protagonista attraverso la riproposizione della collezione CR7 su tutti i mercati mondiali e, in parallelo, il lancio nel mercato Italia

dell’iniziativa commerciale #BEYOND THE MASK finalizzata a favorire il traffico presso i punti vendita attraverso la proposta di visiere protettive Top Quality che abbinano il look e la qualità tipici di Italia

Independent con una maggiore protezione del viso come da normative vigenti.

Il Cda, nel rispetto delle disposizioni statutarie e normative vigenti, ha infine deliberato di convocare l’assemblea dei soci per il 29 giugno 2020, in prima convocazione e, occorrendo, per il 30 giugno 2020, in seconda convocazione per l’approvazione del bilancio di esercizio

al 31 dicembre 2019 e la destinazione del risultato di esercizio.

com/sda

Lascia un commento