Ivass, verso la riconferma a metà per evitare la paralisi

Confermare solo un rinnovo dei due proposti dal governatore di Bankitalia Visco per evitare la paralisi dell’Ivass, l’Istituto di vigilanza sulle assicurazioni. È questa l’ipotesi di mediazione che dovrebbe essere ratificata stasera dal Consiglio dei ministri.

Soltanto uno dei due consiglieri tra Riccardo Corinti, docente all’Università di Bologna, e Alberto Cesari, ex segretario Ceiops, l’authority europea delle assicurazioni, manterrà dunque la poltrona. Salvando l’operatività del direttorio (presieduto dal Dg della Banca d’Italia, Salvatore Rossi) che può funzionare con almeno due dei tre componenti. Su entrambi i consiglieri Luigi Di Maio, il ministro dello Sviluppo economico cui spetta esprimere il parere, ha scelto di non fornirlo, convinto che serva discontinuità. Da qui la proroga, che scade oggi. E la competenza, che passa nelle mani del premier Giuseppe Conte e da cui oggi dovrebbe arrivare la soluzione di compromesso con la trasmissione del decreto di nomina per la firma al presidente Sergio Mattarella.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer