Economia

JPMorgan, Morgan Stanley e Citi discutono delle prospettive per Wall Street

This content has been archived. It may no longer be relevant

Di Senad Karaahmetovic

Investing.com – L’S&P 500 e riuscito a chiudere positivamente la settimana scorsa, malgrado il resoconto sull’occupazione di venerdì, e pure nella seduta di questo lunedì i benchmark continuano nella corsa in aumento in attesa della lettura dell’indice IPC di mercoledì.

Ecco le opinioni dei maggiori esperti di strategie di Wall Street circa i titoli azionari statunitensi per le prossime settimane.

Michael Wilson di Morgan Stanley (NYSE:MS): “Il rally dei titoli azionari e forte e ha spinto gli investitori a credere che il mercato orso sia finito, e ad aspettarsi tempi migliori. Tuttavia, penso che sia prematuro dare un cessato allarme solo perché l’inflazione e al picco. Il prossimo ribasso potrebbe dover aspettare fino a settembre, quando la nostra tesi di leva operativa negativa sarà meglio rispecchiata dalle stime sugli utili. Tuttavia, con valutazioni tanto esagerate, pensiamo che la maggior parte del rally sia finito”.

Mislav Matejka di JPMorgan: “Crediamo che il rapporto rischio/ricompensa per i titoli azionari non sia del tutto negativo avvicinandoci alla fine dell’anno. In realtà, avevamo affermato di essere entrati nella fase dove dati deboli possono essere visti come buoni, portando ad una svolta della politica, e dell’attività potrebbe dimostrarsi meno profondo di quanto si temesse”.

Scott Chronert di Citi: “Il mercato si sta focalizzando su una serie di macro-rischi ed influenze quest’anno. Man mano che ci avviciniamo ad una risoluzione della recessione, i profili di crescita a lungo termine associati a molti temi potrebbero dare un vantaggio alla prestazione, in particolar modo in scia alle correzioni delle valutazioni sull’anno in corso. Un nuovo contesto di trading dall’altra parte delle attuali preoccupazioni potrebbe significare che dei fattori di valutazione specifici dei titoli potrebbero essere più strettamente legati ai fondamentali, dato un profilo di macro-crescita inferiore ed un minore accomodamento dell’istituto di credito centrale”.

JPMorgan, Morgan Stanley e Citi discutono delle prospettive per Wall Street

JPMorgan Morgan Stanley


FIMA2681#

Show More