La lezione di Canberra: in Australia le elezioni si giocano sul terreno del clima

Nel Nord, a gennaio, hanno trovato una mandria di cavalli selvaggi morti di sete, accanto ad una pozza d’acqua prosciugata. Nel Sud, gli opossum cadevano dagli alberi, stroncati dal caldo. Enormi incendi sono scoppiati un po’ dovunque: la Tasmania brucia ancora oggi. Ma, a febbraio, un metro e mezzo di pioggia in pochi giorni ha inondato il Queensland, annegando mezzo milione di bovini e spingendo i coccodrilli a salire sugli alberi. Il clima, in Australia, è sempre stato una cosa seria. Questa estate, però, è stato molto spesso letale. E, alla fine, l’emergenza ha sommerso la politica.

E’ difficile, per noi europei, staccare gli occhi dalla scadenza di maggio, quando, sui terreni dell’austerità e dell’immigrazione, sovranisti e non si disputeranno l’egemonia nella Ue, in elezioni già definite storiche. Ma, negli stessi giorni, si voterà anche in Australia e, per certi versi, il voto…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer