L’abbaglio elettorale del salario minimo: rischio boomerang per occupazione e stipendi

In tempi di recessione, evocare aumenti salariali suona fasullo, ma, se siamo sotto elezioni, è una facile schiacciata a rete. Puntualmente, dunque, nel frullatore della propaganda è entrato anche un tema scivoloso e complesso come l’introduzione di un salario minimo legale. Ma è l’uovo di Colombo per il rilancio dell’economia o una ricetta semplicistica per l’Italia e un vaneggiamento se applicato in Europa? Vediamo.

Perché in Italia non c’è

Un minimo da pagare comunque, per legge, al lavoratore esiste nella maggior parte dei paesi europei. Non in Italia. Ma neanche in Scandinavia. Il motivo è che siamo paesi con sindacati forti. In Italia, la Costituzione prevede che la paga sia fissata da un contratto collettivo e oltre l’80 per cento dei lavoratori italiani – minimo compreso – è, in linea di principio, coperto da un contratto. Allora, dove è il problema? Nel numero di contratti. Se io e mio…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer