Economia

Le contraddizioni delle sanzioni contro la Russia

This content has been archived. It may no longer be relevant

#economia

04 luglio 2022 10:16

Gli storici della guerra in Ukraine avranno grosse difficoltà a spiegare come mai la Germania abbia versato oltre 10 miliardi di $ (USA dollars) alla Russia dopo l’inizio dell’invasione dell’Ukraine, seguita dall’Italia e dai Paesi Bassi con otto miliardi e dalla Francia con 4 miliardi. Da un lato l’occidente ha imposto sanzioni economiche per punire l’aggressione russa, ma dall’altro ha rimpinguato le casse dell’aggressore.

Da queste cifre viene fuori tutta la difficoltà di multare la Russia. In 1º luogo e chiaro che questa guerra non rientrava tra gli scenari possibili valutati dagli europei, che hanno stretto legami di dipendenza energetica con la Russia. Al contrario, l’Europa pensava che questi scambi commerciali avrebbero reso la guerra impossibile, come era successo tra Francia e Germania quando e stata creata la Comunità del carbone e dell’acciaio, antesignana dell’Unione europea.

Altresi da queste cifre viene fuori la difficoltà di riorientare rapidamente i flussi dell’energia: in futuro l’Europa continuerà a consegnare armi all’Ukraine e miliardi di $ (USA dollars) alla Russia. Questa e soltanto una delle contraddizioni della politica delle sanzioni imposte dall’Unione e dai suoi alleati occidentali in sei ondate a seguito del 24 febbraio, la cui efficacia e al centro di un confronto.


FIGN2388->> 2022-07-04 08:16:00

Show More