Dow Jones

Libano: manifestazioni contro elite politica a un anno da esplosione Beirut



Si terranno oggi in Libano manifestazioni contro l’élite politica, mentre i gruppi della società civile chiedono giustizia per l’esplosione mortale avvenuta un anno fa a Beirut di cui danno la colpa ai loro leader.

L’indagine sull’esplosione al porto delle città del 4 agosto dello scorso anno non è stata finora in grado di indicare la responsabilità dell’accaduta. L’esplosione ha ucciso più di 200 persone, ne ha ferite circa 7.000 e ha devastato alcune delle aree residenziali e commerciali più vivaci della capitale libanese.

Gli attivisti accusano la classe dirigente di ostacolare le indagini, che hanno portato a una ventina di arresti che non hanno però colpito nè ministri nè alti funzionari, molti dei quali sono protetti dall’immunità che il Parlamento si è rifiutato di revocare.

Mada, un gruppo politico laico, ha invitato le persone a radunarsi in uno dei quartieri devastati dall’esplosione alle 15h30 ora locale. “Giustizia per le vittime, vendetta contro il regime”, ha scritto il gruppo in un post su Instagram.

Paul Naggear, la cui figlia di 3 anni è stata uccisa nell’esplosione, ha esortato le persone a manifestare e protestare contro l’establishment. “Abbiamo tutti sofferto. Questo è un giorno di solidarietà”, ha detto.

Durante la giornata sono previste manifestazioni. Una veglia vicino al porto è stata fissata intorno all’ora dell’esplosione, alle 18h00 ora locale.

Unità di polizia e militari dovrebbero stazionare nelle aree in cui i manifestanti spesso si riuniscono, tra cui il centro della capitale, per controllare eventuali rivolte e potenziali danni alla proprietà pubblica e privata, ha affermato un funzionario della sicurezza libanese. Dopo l’esplosione dello scorso anno i manifestanti, lanciando pietre, si sono scontrati con le forze di sicurezza che hanno sparato contro di loro proiettili di gomma e gas lacrimogeni.

Molti libanesi incolpano per l’esplosione anni di malgoverno e corruzione dell’intera classe dirigente. Si aspettavano che il disastro avrebbe costretto la leadership ad allentare la presa sul potere e consentito riforme politiche ed economiche. Ma un anno dopo la situazione del Libano è solo peggiorata. Le dispute politiche sulla formazione del Governo hanno fatto sì che il primo ministro, Hassan Diab, che si è dimesso all’indomani dell’esplosione, rimanesse in carica con poteri limitati.

Nel frattempo, il Libano è precipitato in quella che secondo la Banca Mondiale è forse una delle tre peggiori crisi economiche mondiali degli ultimi 150 anni. Il collasso economico, aggravato dalla pandemia di Covid-19, ha spinto milioni di persone nella povertà. Il risultato è stato il razionamento e la scarsità di medicinali e altri beni poiché il Governo non ha i fondi per pagare le importazioni. Il carburante scarseggia e le interruzioni di corrente sono diventate più frequenti.

La crisi ha anche ostacolato il settore medico del Paese mentre affronta la pandemia. Il numero dei contagi è nuovamente aumentato nelle ultime settimane, secondo i dati del ministero della Salute, dopo che un rigido lockdown all’inizio di quest’anno ha contribuito a contenerlo.

Lo stallo politico ha bloccato gli aiuti della comunità internazionale, guidati da Francia e Stati Uniti, che hanno chiesto riforme politiche prima di fornire assistenza. La classe dirigente, tuttavia, ha mostrato poca volontà di intraprendere passi che potrebbero erodere i privilegi che ha accumulato da quando ha ottenuto il potere dopo i 15 anni di guerra civile del Paese.

Alla fine del mese scorso, le fazioni politiche hanno scelto il miliardario uomo d’affari ed ex primo ministro, Najib Mikati, per formare il prossimo Governo del Paese, dopo che i due candidati precedenti avevano abbandonato tale sforzo.

Le autorità libanesi affermano che l’esplosione è avvenuta per un incendio ha coloito 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio che erano state immagazzinate nel porto della città. Le scorte altamente combustibili erano lì da anni, nonostante gli avvertimenti sul fatto che rappresentavano un pericolo. I dettagli su come sia stato possibile immagazzinare il materiale così vicino al centro della città indicano una grave negligenza da parte delle autorità locali.

cos

(END) Dow Jones Newswires

August 04, 2021 07:44 ET (11:44 GMT)

Segnali:

Libano, scontri a Beirut. Spari sulla manifestazione di Hezbollah, morti e feriti
"Oggi avevamo organizzato una manifestazione ... (SPECIALE LIBANO). La nota riportata dall'agenzia Nna contiene un atto d’accusa contro i "cecchini posizionati sui tetti" di Beirut che hanno ...
Lutti e povertà/ Il dramma Libano e la politica complice
Lo Stato è in bancarotta e gli aiuti internazionali promessi dopo la devastante esplosione del porto di Beirut dello scorso anno ... tutta un’élite politica, affaristica e settaria, contro ...
Un giudice sta mettendo nei guai la classe politica libanese
Tarek Bitar ha incriminato noti ministri per l'esplosione al porto di Beirut, con pochi risultati processuali ma grandi risultati politici La manifestazione ... esplosione di un anno fa nel ...
La grande opportunità della crisi in Libano
Ben prima che questo territorio fosse chiamato “Repubblica del Libano” e circoscritto entro i suoi confini nazionali, appena 100 anni fa. Un ... da tempo alzato la retorica e la pratica contro ...
Libano, il giallo del video che torna a spaccare Beirut
Dopo l’esplosione di violenza di giovedì scorso a Beirut, quando sette manifestanti sciiti sono stati uccisi da cecchini cristiani mentre marciavano verso un tribunale, continua lo scontro ...
Lutto nazionale in Libano dopo gli scontri a Beirut, da Usa e Onu appello alla calma
Giornata di lutto nazionale in Libano all'indomani delle scene da guerra civile avvenute a Beirut ... contro il giudice titolare dell'inchiesta sulla devastante esplosione del 4 agosto dello ...
Una giornata di violenze a Beirut
Le violenze di giovedì sono avvenute in un momento drammatico per il Libano, che da due anni ... Giustizia di Beirut per protestare contro il giudice che sta indagando sull’esplosione al ...
Tarek Bitar, il magistrato che in Libano vuole portare a processo la classe politica
L'esplosione fu causata da 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio malamente accatastate nel porto di Beirut ... e politici. Due giorni fa ha emesso un mandato di cattura in contumacia contro ...
Il racconto degli scontri da Beirut
La manifestazione ... Bitar, 47 anni, è da tempo al centro di una grossa polemica, per la gestione delle indagini sull’esplosione del porto di Beirut. Il giudice non ha infatti risparmiato inchieste ...
Libano: morto un giovane per esplosione accidentale granata a Baalbeck
Beirut, 25 ott 08:32 - Un giovane è stato ucciso dall'esplosione accidentale di una granata a Baalbeck, nel Libano orientale. Lo rende noto il quotidiano libanese ...
Il portavoce delle vittime del disastro di Beirut ci spiega perché molla il giudice eroe
"Mi ha detto di sapere chi è responsabile dell’esplosione ma anche che ora non può dire tutto quello che ha scoperto. Continuerò a cercare la verità, ma lo farò a modo mio", dice Ibrahim Hoteit ...
Qatar - Libano: Doha vieta importazione di alcune spezie da Beirut per motivi sanitari
Beirut, 27 ott 13:42 - Il Qatar ha vietato l'importazione di alcune spezie dal Libano per motivi sanitari. Lo riferisce il quotidiano libanese "L'Orient le Jour", secondo il quale il divieto è stato .

Lebanon: demonstrations against political elite one year after the Beirut explosion

Demonstrations against the political elite will be held today in Lebanon, as civil society groups demand justice for the deadly explosion in Beirut a year ago that they blame their leaders for.

The investigation into the explosion at the city port on 4 August last year has not been able to indicate responsibility for the incident so far. The blast killed more than 200 people, injured around 7,000 and devastated some of the liveliest residential and commercial areas in the Lebanese capital.

The activists accuse the ruling class of obstructing the investigation, which led to about twenty arrests which, however, did not hit either ministers or senior officials,