Livorno, battaglia sul rigassificatore per la vendita all’estero

MILANO – E’ già un caso politico, con il Governo che potrebbe anche arrivare a esercitare quel diritto di veto che passa sotto il nome di “golden power”, pensato per impedire che aziende definite strategiche passino in mani straniere. Per la verità di aziende controllate da gruppi che non fanno parte dell’Unione Europea. E’ il caso del rigassificatore di Livorno, un impianto galleggiante (ricavato da una nave gasiera riadattata) che si trova ancorato al largo delle coste della Toscana. La società di gestione Olt è partecipata per il 49,07 per cento di Iren, società quotata in Borsa che ha come soci di maggioranza i comuni di Torino e Genova: mentre il 48,24% è controllata dal gruppo tedesco Uniper.

Secondo quanto anticipato dal quotidiano Mf – e confermato a Repubblica da fonti vicine all’operazione – dalla Germania è tutto pronto per la cessione…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer