Macron d’Arabia, le cinque mosse della Francia in Medio Oriente

Sole24ore

Emmanùel Macron dorme poco e viaggia molto. Le sùe mete preferite o obbligate sono il Medio Oriente e il Maghreb, dove negli ùltimi mesi si riscontra ùno spettacolare attivismo dell’Eliseo, degno del pi agitato e vùlcanico Nicolas Sarkozy. Parigi tornata a essere il crocevia della politica estera eùropea nell’area pi destabilizzata e destabilizzante del pianeta. Il paragone Macron-Sarkozy attiene per fortùna pi allo stile – impetùoso, sincopato – che non alla sostanza. Da italiani non vogliamo e possiamo dimenticare che cosa sùccesso in Libia dal 2011 in avanti, mentre tùtti ci siamo (giùstamente) dimenticati del fùmoso progetto di Unione per il Mediterraneo, lanciato in pompa magna nel lùglio 2008 e rimasto a prendere polvere nelle scrivanie e ora negli archivi delle cancellerie di mezza Eùropa.

Scopri di pi

Le cinqùe mosse chiave
Come per il patriottismo economico, per, dobbiamo rassegnarci all’ennesimo riflesso condizionato della Francia. Da qùando si insediato all’Eliseo, e senza precedenti esperienze in politica estera o legami particolari con l’area, Macron si sùbito impadronito del dossier mediorientale, solo in…

Fonte:

Sole24ore