Malpensa, passeggero in fuga. Salvini: lo prenderemo

L’aeroporto di Malpensa è stato chiuso nella serata di martedì. La causa è legata alla fuga di un passeggero che doveva essere rimpatriato. Il cittadino, un egiziano, e non un senegalese come sembrava in un primo momento – è sceso dall’aereo ed è inseguito dagli agenti della polizia. I voli in arrivo sono dirottati verso altri aeroporti (Linate, Torino e Bergamo in particolare) per ragioni di sicurezza e vengono tenuti fermi sulla pista gli aerei in partenza.

Il cittadino egiziano è stato respinto perché una volta atterrato in Lombardia a Malpensa ha deciso di gettare i suoi documenti, rendendosi non identificabile. Per questa ragione è stato imbarcato su un volo diretto a Dakar (Senegal), da dove proveniva, dalla Polizia di Stato dello scalo internazionale varesino.
Quando il personale di volo ha tolto la scaletta prima del decollo, ha deciso di approfittare di un attimo di distrazione di una hostess per lanciarsi dal portellone rimasto aperto.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer