Mamma e figlio scomparsi sulla Messina-Palermo, si indaga per sequestro ma prende corpo l’ipotesi dell’allontanamento volontario


Mamma e figlio scomparsi sulla Messina-Palermo, si indaga per sequestro ma prende corpo l’ipotesi dell’allontanamento volontario 

Ore 19 – iscriviti alla newsletter e
ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella.

Sono ancora diversi i dubbi attorno alla scomparsa di Viviana Parisi di 43 anni e del figlio Gioele di 4 anni. I due non si trovano da lunedì, da quando cioè hanno avuto un scontro d’auto, non grave, lungo l’autostrada A20 Messina-Palermo, all’altezza di Caronia. Secondo quanto riporta il quotidiano La Repubblica ora si indaga per sequestro di persona, ma gli inquirenti percorrono comunque pure la pista dell’allontanamento volontario. Non si capisce difatti perché la donna abbia detto al marito Daniele Mondello, prima di uscire di casa, di essere diretta a Milazzo per comprare un paio di scarpe al figlio, e poi si sia ritrovata a Caronia a 100 chilometri di distanza. E non si esclude, come sottolinea La Stampa, pure l’ipotesi che la donna possa essere salita con il figlio su un’altra macchina. Difficile, secondo i pompieri, difatti, che la donna possa essere riuscita a spostarsi a piedi.

Leggi Pure

Mamma e figlio scomparsi sulla Messina-Palermo, continuano le ricerche: nessun esito dall’immersione dei sub nei due laghetti

Intanto si continua a cercare attorno alla zona dove è stata ritrovata l’auto. Pure oggi circa 70 persone tra pompieri,…

seguici...sullo stesso argomento