Mef, nel primo semestre 2020 entrate tributarie in calo a 186,3 miliardi, -7%


Mef, nel primo semestre 2020 entrate tributarie in calo a 186,3 miliardi, -7% 

Nel periodo gennaio-giugno 2020, le entrate tributarie erariali accertate in base al criterio della competenza giuridica ammontano a 186.304 milioni di euro, facendo segnare una riduzione di 13.983 milioni di euro rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (-7 per cento).

La variazione negativa riflette sia il peggioramento congiunturale sia le misure adottate dal Governo per fronteggiare l’emergenza sanitaria. La sensibile diminuzione di gettito, riscontrata già nei mesi precedenti, è stata determinata dagli effetti del Decreto Legge 8 aprile 2020, n. 23, che ha disposto il rinvio dei versamenti tributari e contributivi per i soggetti esercenti attività di impresa, arte o professione, fiscalmente domiciliati nella zona dello Stato.

Nel mese di giugno, invece, le entrate tributarie hanno registrato una variazione positiva di 1.317 milioni di euro (+3,7 per cento) che deriva dall’andamento delle imposte dirette (+4.974 milioni di euro, +25,7 per cento), mentre le imposte indirette continuano a segnare un significativo calo (-3.657 milioni di euro, -23 per cento) imputabile principalmente al risultato dell’Iva sugli scambi interni (-1.693).

L’incremento delle imposte dirette è legato al risultato delle imposte autoliquidate che risultano influenzate dal diverso termine di versamento del mese di giugno dell’anno 2020 rispetto al 2019 in cui il termine di versamento del 30 giugno, che cadeva di domenica, è slittato al 1 luglio.

Le imposte dirette ammontano…

seguici...sullo stesso argomento