Metro Roma, l’accusa dei Pm: «Manutenzione inadeguata»

«Manutenzione non a norma» della metropolitana di Roma. L’ipotesi dei pm della Capitale porta nel registro degli indagati una ventina di indagati per l’incidente avvenuto sulla scala mobile del 25 ottobre 2018 alla fermata Repubblica e per i difetti sulla scala mobile della fermata Barberini del 20 febbraio e 21 marzo 2019. L’accusa è che la società incaricata della manutenzione, la Del Vecchio di Napoli, non avrebbe adempiuto correttamente agli obblighi contrattuali di manutenzione.

Guasti ad Anagnina
Questa mattina Atac, la municipalizzata che si occupa del trasporto urbano, ha bloccato fino alle 10 del mattino la fermata Anagnina a causa del deragliamento di un treno. Si tratta di un mezzo di servizio con un gruppo di manutentori, uscito dai binari intorno alle 4 del mattino. L’incidente ha causato guasti e lesioni alla infrastruttura, oltre a gravissimi disagi nell’ora di punta dei trasferimenti. Anagnina, sulla linea A, è uno snodo fondamentale di collegamento dalla zona est di Roma al Centro.

Incidenti sotto inchiesta
Le indagini, invece, si sono concentrate sui difetti delle scale mobili. Le responsabilità sarebbero in parte di Atac e in parte della società di manutenzione. La Procura della Repubblica di Roma attende il deposito finale di una maxi consulenza tecnica, che potrebbe spiegare tutte le carenze. Di certo, stando a indiscrezioni, sembra che sulle scale mobili fossero stati montati pezzi di ricambio usati e logori.

Rifiuti, i fari dell’Antitrust
Un aspetto di non secondaria importanza riguarda il procedimento acceso dall’Antitrust su due appalti di febbraio e luglio 2018 per la gestione dei rifiuti a Roma. Gare che, in entrambi i casi, sono andate deserte. Secondo l’Agcm «la mancata presentazione di offerte per entrambe le procedure di gara ha comportato per Ama spa la necessità di acquisire i medesimi servizi a trattativa privata e a condizioni economiche più onerose, concludendo contratti di fornitura a prezzi più elevati con le stesse società» che avrebbero dovuto partecipare alla gara. Su questo fronte gli accertamenti sono condotti dal personale dell’Agcm in collaborazione col nucleo Antitrust della Guardia di finanza.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer