Agenzie

Michel; violenze inaccettabili, Ue al lavoro su sanzioni

“Venerdì scorso i nostri ministri degli Esteri hanno discusso degli sviluppi in Bielorussia e nel Mediterraneo orientale. Da allora, la situazione nel Paese ha continuato a evolversi e ho quindi deciso di convocare una videoconferenza mercoledì a mezzogiorno per affrontare la questione”.

Lo ha scritto il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, nella lettera di invito alla riunione straordinaria di mercoledì inviata oggi ai leader Ue, spiegando che “ciò a cui abbiamo assistito in Bielorussia non è accettabile. Le elezioni del 9 agosto non sono state né libere né eque. La successiva violenza contro manifestanti pacifici è stata scioccante e deve essere condannata. I responsabili devono essere ritenuti responsabili. L’Ue ha iniziato a lavorare sulle sanzioni”.

“Il popolo bielorusso ha il diritto di determinare il proprio futuro. Per consentire ciò, la violenza deve cessare e deve essere avviato un dialogo pacifico e inclusivo. La leadership della Bielorussia deve riflettere la volontà del popolo. Non dovrebbero esserci interferenze esterne”, ha aggiunto, sottolineando che “sulla base di questi principi, discuteremo del modo migliore per rispondere all’evoluzione della situazione in Bielorussia”.

“Per quanto riguarda l’altro tema principale discusso dai nostri ministri degli Esteri, la situazione nel Mediterraneo orientale, propongo di concedere tempo per una preparazione approfondita e di tornare sull’argomento durante un Consiglio europeo straordinario del 24-25 settembre”, ha concluso Michel.

cos

   

(END) Dow Jones Newswires

August 17, 2020 13:25 ET (17:25 GMT)

Copyright (c) 2020 MF-Dow Jones News Srl.

Show More

Articoli simili

Back to top button