Notizie

Milano positiva prima della BCE. Enel in cima, TIM per poco sopra Opa Da Investing.com

Investing.com - Il Principale Portale Finanziario

Per Favore, prova con una nuova ricerca

Mercato azionario41 minuti fa (25.11.2021 10:58)

© Reuters

Di Alessandro Albano 

Investing.com – Giornata sonnolenta sui mercati vista la chiusura di Wall Street per il Giorno del Ringraziamento, con i principali listini europei in territorio positivo aspettando dei verbali Banca Centrale Europea (BCE) nonostante il contesto sanitario in Germania. 

Il e in rialzo dello 0,3%, il avanza dello 0,4% nonostante il contesto Coronavirus, il guadagna lo 0,3% invece l’ segna il +0,5%. 

Tra i titoli, Telecom Italia (MI:) avanza dello 0,4% dopo aver toccato euro 0,51 superando per un momento euro 0,505, prezzo dell’offerta iniziale del fondo americano KKR ma che per andare verso le richieste dell’azionista di i più Vivendi (PA:). Nel corso della conferenza stampa di mercoledì, il primo ministro Draghi ha rimarcato la strategicità di Telecom e delle rete secondarie dichiarando che il governo ha tre priorità: la protezione dell’occupazione, la protezione della tecnologia, e la protezione dell’infrastruttura”. 

L’ex numero uno della Banca Centrale Europea (BCE) ha poi precisato che l’operazione e ancora in fase embrionale, dando seguito a quanto affermato alla vigilia dal titolare del Mise Giorgetti, il quale aveva spiegato che “e ancora eccessivamente presto” per poter parlare di Golden power. 

Brilla Enel (MI:) in testa al listino principale, +2,8%, sulla scia del piano strategico al 2024 presentato mercoledì, che vede impegnata la società a raggiungere l’obiettivo di Net Zero nel 2040, vale a dire con 10 anni di anticipo in confronto a quanto previsto. In termini di dividendi, e previsto un incremento del 13% dal 2021 al 2024, fino a raggiungere 0,43 euro/azione. 

Con Wall Street positiva prima della festività, la Fed ha segnalato l’intenzione di “diversi membri del Comitato” di adeguare il ritmo della riduzione del QE e alzare i Federal funds prima del programmato nel 2022.

 » Leggi