Monnalisa: perdita 2019 a 8,4 mln (+1,3 mln in 2018)


Grafico Azioni Monnalisa (BIT:MNL)
Intraday

Lunedì 27 Aprile 2020

Clicca qui per i Grafici di Monnalisa

Monnalisa, leader nel settore childrenswear di alta

gamma, quotata sull’Aim, ha chiuso il 2019 con una perdita netta di 8,4 milioni di euro (+1,3 mln nel 2018). La perdita adjusted si è attestata a 2,5 mln.

I ricavi delle vendite, si legge in una nota, sono pari a circa 48 milioni di euro rispetto ai 49 mln dell’esercizio precedente, mentre l’Ebitda adjusted si è attestato a circa 0,26 milioni di euro (7,3 mln nel 2018). La Posizione Finanziaria Netta è pari a 3,4 milioni di euro a debito rispetto a una Posizione Finanziaria Netta attiva per 2,5 mln euro al 31 dicembre 2018, anche in conseguenza dell’attività di investimento, che ha assorbito risorse finanziarie per circa 3,7 milioni di euro, di cui 2 milioni per lo sviluppo del canale retail. Il gruppo ha un patrimonio netto di 38,9 milioni.

Il Cda ha deliberato di proporre all’Assemblea degli azionisti di approvare il bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2019 e di provvedere alla copertura della perdita, utilizzando gli utili degli esercizi precedenti portati a nuovo. Il Cda ha deliberato di convocare l’assemblea dei soci per il 25 maggio 2020, in prima convocazione, e per il giorno 27 maggio 2020 in seconda convocazione, per l’approvazione del bilancio di esercizio al 31 dicembre 2019 e la destinazione del risultato di esercizio.

In seguito all’emergenza sanitaria sono stati ridotti al minimo tutti i costi non ritenuti strettamente necessari, tanto a livello di punti

vendita diretti, quanto a livello “corporate” e quelli dedicati al sostegno delle vendite. Le previsioni di investimento per

l’esercizio in corso sono state ridimensionate, confermando solo gli investimenti già contrattualizzati. A livello di canale wholesale, le forniture della merce estiva erano già state pressoché completate prima dell’inizio della pandemia, ma la chiusura dei punti vendita multimarca clienti sta allungando i tempi di riscossione del credito commerciale. Il

portafoglio ordini della collezione invernale, invece, anch’esso già raccolto quasi completamente prima dell’emergenza, è stato oggetto di alcuni annullamenti effettuati sia per eliminare gli ordini di clienti che in seguito alle conseguenze dell’epidemia sulle vendite abbiamo ritenuto a maggior rischio, sia per alleggerire l’approvvigionamento ed il conseguente rischio di aumento delle rimanenze legato a possibili, ancorché tuttora non formalizzate, richieste di riduzioni di ordini o chiusure di clienti. Il management ha comunque lavorato per concentrare tali annullamenti o riduzioni di quantità sui modelli a più basso margine di contribuzione.

Ad oggi la visibilità sull’impatto delle vendite dell’anno è ancora limitata. Tuttavia, la pressoché totale mancanza di incassi nel mese di marzo e la drastica contrazione nel mese di aprile, nonché la prevedibile riduzione anche nei primi mesi che seguiranno la fine del lockdown hanno imposto misure di differimento dei pagamenti. Per quanto riguarda i

ricavi, ci si attende che l’esercizio 2020 possa subire una forte contrazione (come in generale per il settore in cui l’emittente opera). Oltre ai quasi due mesi di interruzione è ragionevole attendersi una riduzione anche post-riapertura. Le azioni di contenimento dei costi in atto, l’aiuto della cassa integrazione, gli sconti dai fornitori, uniti ai minori costi per servizi ed affitti saranno le principali leve che utilizzeremo per compensare il più possibile la conseguente perdita di

redditività.

Il gruppo ha avviato una serie di iniziative digital-oriented finalizzate ad adeguare le modalità di lavoro della rete commerciale, e mantenere l’interazione con la clientela. In particolare, è stato avviato un progetto per la realizzazione di showroom virtuali, nonché la ridefinizione delle modalità di relazione con i clienti delle boutique, che saranno accolti soltanto su appuntamento, con un servizio tipo atelier di moda, e con cui stiamo condividendo contenuti e presentazioni di prodotto attraverso social media casting. Prosegue anche la realizzazione delle nuove collezioni che rimangono ispirate alla moda e alla creatività che da sempre contraddistinguono la filosofia del Gruppo.

com/sda

susanna.scotto@mfdowjones.it

Lascia un commento