Mutuo con una banca, conto corrente con un’altra: si può fare?

Risponde Aldo Bissi del comitato scientifico di Ridare, portale di Giuffrè Francis Lefebvre che affronta tutte le tematiche in materia di risarcimento del danno e responsabilità civile.

Alla lettrice Giulia (benché non sia chiaro a cosa si riferisca quando parla di “spese condominiali”, che certamente esulano dall’ambito bancario) va confermato che è certamente possibile modificare il conto sul quale vengono addebitate le rate relative al mutuo in essere.
È, in altre parole, sicuramente possibile avere in essere il mutuo con una banca e il conto corrente con un’altra (ferma restando la valutazione della convenienza economica, beninteso, che la lettrice riferisce però di avere già effettuato).

La normativa di riferimento è contenuta nell’art. 21 comma 3 bis del Codice del Consumo (D.Lgs.vo 6.9.2005 n. 206), secondo cui è considerata “scorretta” –e quindi civilisticamente illecita- la…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer