Npl: Bce; livelli troppo alti, necessari altri sforzi per ridurre stock

“L’attuale livello aggregato di Npl rimane troppo alto rispetto agli standard internazionali e ulteriormente sono necessari sforzi per garantire che la questione degli Npl nell’area dell’Euro sia adeguatamente affrontata”.

E’ quanto scrive la Bce in una nota annunciando una parziale ridefinizione dell’approccio.

La Banca centrale europea farà “ulteriori passi nel suo approccio di vigilanza per affrontare lo stock di crediti deteriorati nell’area dell’euro”, si legge. L’approccio segue il lavoro già intrapreso in questo settore, vale a dire le strategie di riduzione delle Npl delle banche e l’addendum per l’approvvigionamento di nuovi Npl. Crea un quadro coerente per affrontare lo stock di Npl come parte del dialogo di vigilanza attraverso aspettative di vigilanza specifiche per banca volte a conseguire un adeguato approvvigionamento di Npl legacy contribuendo così alla resilienza del sistema bancario dell’area dell’euro nel suo complesso.

Con questo approccio, la vigilanza bancaria della Bce si impegnerà ulteriormente con ciascuna banca a definire le proprie aspettative di vigilanza. Queste ultime si basano su un benchmarking di banche comparabili e sono guidate dall’attuale rapporto Npl delle singole banche e dalle principali caratteristiche finanziarie. L’obiettivo è garantire un progresso costante per ridurre i rischi legacy nell’area dell’euro e ottenere la stessa copertura dello stock e del flusso di Npl nel medio periodo.

La decisione fa seguito a una serie di misure adottate dalla Bce per affrontare gli elevati livelli di Npl nell’area dell’Euro. Nel marzo 2017, la vigilanza bancaria della Bce ha pubblicato linee guida per le banche sugli Npl, che hanno fornito un efficace strumento per le banche nell’affrontare gli Npl. Come parte della guida, alle alte banche Npl è stato richiesto di concordare strategie per affrontare gli stock. Nel marzo 2018, la vigilanza bancaria della Bce – si ricorda – ha pubblicato un addendum a questa guida che stabilisce le aspettative di vigilanza per l’approvvigionamento di nuovi Npl.

Il lavoro svolto finora ha portato a progressi significativi nella riduzione degli Npl con il rapporto Npl delle istituzioni significative, passato dall’8% nel 2014 al 4,9% nel quarto trimestre 2017. Tuttavia, l’attuale livello aggregato di crediti deteriorati rimane troppo alto rispetto agli standard internazionali.

red/cce

Copyright (c) 2018 MF-Dow Jones News Srl


Npl: Bce; livelli troppo alti, necessari altri sforzi per ridurre stock è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer