Pa e digitale, arriva la struttura permanente per formare gli enti

Nasce alla presidenza del Consiglio la prima struttura permanente per aiutare gli enti pubblici italiani a diventare più digitali. E così migliorare i servizi ai cittadini e alle aziende, tuttora penalizzati dal persistere di procedure antiquate e burocratiche.

È la Conferenza dei Responsabili per la transizione al digitale (RTD), lanciata oggi dall’Agenzia per l’Italia Digitale e dal ministro alla PA Giulia Bongiorno.

Qual è il problema di fondo: in teoria oggi le PA sono obbligate a dotarsi di un RTD, che dovrebbe guidarle a diventare più digitali. Ma solo il 26 per cento degli enti pubblici italiani ne ha nominato uno, e di contro significa che tre su quattro non si sono mosse. Per altro, manca all’appello persino la Regione Lombardia.

Prima quindi ancora di capire se gli RTD stanno lavorando bene per innovare il proprio, ci siamo incagliati sul nastro…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer