Pace fiscale, per le liti pendenti al via le domande on line

Pochi click per chiudere le liti pendenti pagando solo una parte delle somme contestate. E’ infatti possibile inviare, tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle entrate, la domanda di definizione agevolata delle controversie tributarie. La scadenza è fissata al 31 maggio prossimo.

Le liti interessate. La definizione agevolata è possibile per le controversie tributarie in cui è parte l’Agenzia delle entrate, pendenti in ogni stato e grado di giudizio, per le quali il ricorso sia stato notificato entro il 24 ottobre 2018, e per le quali alla data di presentazione della domanda il processo non si è concluso con pronuncia definitiva. La sanatoria consente di evitare i successivi gradi di giudizione versando solo una quota delle imposte inizialmente richieste, al netto di interessi e sanzioni.

Gli importi dovuti. In particolare in caso di ricorso pendente iscritto nel primo grado, la controversia può essere…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer