Parlamento Ue, bocciato il taglio dei fondi per chi non rispetta le regole di bilancio

MILANO – “No” del Parlamento Ue alla proposta della Commissione di subordinare l’erogazione dei fondi europei al rispetto delle regole di bilancio.

L’Europarlamento ha respinto a Strasburgo il principio della “macrocondizionalità economica” per erogati nel periodo 2021-2027, premiando il lavoro in questa direzione portato avanti sia dagli eurodeputati del Pd che da quelli M5S: entrambi rivendicano il risultato. Dal testo passato con 460 voti a favore, 170 contrari, 47 astensioni, è stato cancellato l’articolo 15 sull’applicazione della macrocondizionalità. Ora cominceranno i negoziati con il Consiglio: il dossier fa parte del bilancio Ue 2021-2027.

“Accoppiare i fondi regionali alla condizionalità macroeconomica come proposto dalla Commissone – ha indicato la corelatrice Constanze Krehl (Socialisti&Democratici) – significherebbe punire le autorità regionali per decisioni prese dai governi nazionali: ecco perché abbiamo respinto questa idea”. Idea che prevedeva di sospendere i fondi regionali…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer