Notizie

Partite IVA, nuovi contributi a fondo perduto: domande e quando arrivano

Home » Novità » Partite IVA, nuovi contributi a fondo perduto: domande e quando arrivano

E arrivato mercoledì 10 novembre l’ok definitivo dall’Unione Europea al riconoscimento dei nuovi contributi a fondo perduto in favore dei titolari di partita IVA. I pagamenti dovrebbero arrivare entro il 31 dicembre 2021: vediamo quali sono gli importi e chi può fare domanda.

Partite IVA: arrivano i nuovi contributi a fondo perduto disposti dal provvedimento Sostegni bis, per cui mancava solamente l’ok ufficiale da parte dell’Unione Europea.

La misura, finanziata con 4,5 miliardi di euro, verrà destinata a esercenti e professionisti in base alla percentuale di riduzione del risultato di esercizio nel 2020 rispetto al 2019, con gli accrediti che dovrebbero arrivare a tutti entro il 31 dicembre 2021.

Nuovi contributi a fondo perduto: pagamenti entro fine anno

money-3481757_1920

E finalmente arrivato l’ok dall’Unione Europea che sblocca le risorse stanziate dal provvedimento Sostegni bis per sovvenzionare una nuova ondata di contributi a fondo perduto.

Leggi pure: Nuovi contributi a fondo perduto per partite Iva e professionisti

I destinatari saranno le partite IVA che hanno registrato una riduzione del risultato economico d’esercizio tra il 2020 e il 2019, ma per conoscere i requisiti specifici d’accesso bisognerà attendere il provvedimento attuativo del MEF.

L’importo massimo erogabile per partita IVA dovrebbe essere equivalente a 150 mila euro, ma pure in questo caso per l’ufficialità sarà essenziale consultare il provvedimento attuativo del MEF e le linee guida che verranno rese note dall’Agenzia delle Entrate nel corso delle prossime settimane.

Nuovi contributi a fondo perduto: domanda e scadenza

thoughtful-businessman-sitting-with-open-laptop-computer-looking-and-worried-while-thinking-about-planning-top-view-min

Non c’e molto tempo per rendere operativo il decreto, considerando che, in base a quanto viene fuori dal dichiarato della Commissione Europea che autorizza l’erogazione,

 » Leggi