Pastori sardi, governo a caccia di una soluzione in vista del voto del 24 febbraio

Interventi di sostegno ai pastori per le perdite economiche, legate alla mancata produzione e ai bassi prezzi, e la sospensione delle attività del Consorzio di tutela del Pecorino Romano Dop, finalizzata all’approvazione di un
nuovo piano di produzione. Sono gli impegni presi dal vicepremier e ministro
dell’Interno Matteo Salvini con la delegazione dei pastori sardi della Coldiretti guidati dal presidente Ettore Prandini nell’incontro odierno al Viminale, al quale ha partecipato anche il sottosegretario all’Agricoltura Franco Manzato. Il pacchetto di iniziative, sottolinea il Viminale, servirà “anche a rasserenare il clima sull’isola». Mentre il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato la convocazione del tavolo di filiera con i pastori a Roma per il 21 febbraio.

La protesta dei pastori
Ma la protesta dei pastori sardi che rivendicano prezzo congruo per il latte ovicaprino (1 euro al litro contro gli attuali 60 centesimi) non si ferma. E continua in Sardegna la mobilitazione per rivendicare il pagamento del latte a un prezzo congruo: ossia circa un euro al litro contro i 60 centesimi attuali o l’ancoraggio al prezzo del pecorino ma con una soglia minima di garanzia. Proteste estemporanee in cui i blocchi stradali si alternano al latte versato in strada. Domani saranno i sindaci protagonisti con i pastori a scendere in piazza con gli allevatori sardi
contro il crollo del prezzo del latte. Tra le manifestazioni previste si annuncia imponente quella della provincia di Nuoro, organizzata nella zone industriale di Sologo (Nuoro).

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer