Lavoro

Pensione e lavoro precoce: i contributi che occorrono prima e dopo

#occupazione

Non sempre lavorare prima dei dicianove anni permette di accedere alla pensione quota 41 per precoci, sebbene si e disoccupati e in Naspi.

Chiunque abbia lavorato prima dei dicianove anni e considerato lavoratore precoce? La legislazione della pensione precoci stabilisce di limiti ben precisi. Scopriamoli rispondendo alla domanda di un nostro lettore che ci scrive:

Buongiorno ho 47 settimane di sostegni versati prima dei dicianove anni di eta rientro nei lavoratore precoci adesso ho 60 anni di età e 41 e 10 mesi di sostegni e sono disoccupato percettore di Naspi,  quale possibilità ho per andare in pensione visto che nessuno mi assume? grazie mille 

Distinti saluti 

Pensione e lavoro precoce

Per poter tornare nel lavoro precoce che permette il pensionamento a 41 anni indipendentemente dall’età bisogna aver lavorato quanto meno dodici mesi (52 settimane di sostegni) prima del compimento dei dicianove anni di età.  Nel suo caso per poco più di un mese non ritorna nella possibilità.

In ogni caso per accedere a questo tipo di pensionamento sarebbe stato necessario anche terminare la Naspi e attendere 3 mesi, come disoccupato. L’alternativa e quella di giungere ai 42 anni e 10 mesi di sostegni previsti per il pensionamento anticipato dalla Legge Fornero.

Non specifica per quanto tempo ancora ha diritto all’indennità di disoccupazione, ma se per ancora dodici mesi o più ha diritto alla Naspi potrà raggiungere il requisito contributivo con i contributi figurativi che le sono…


FIGN2931 => 2022-11-24 18:54:40
occupazione

Show More