Pensioni, boom di anticipi nel 2019 a 62 anni. Solo uno su cinque ha lasciato il lavoro a 67 anni


Pensioni, boom di anticipi nel 2019 a 62 anni. Solo uno su cinque ha lasciato il lavoro a 67 anni

Nel primo anno di sperimentazione di Quota 100 i pensionamenti anticipati sono cresciuti del 32,8%, mentre quelli con l’età di vecchiaia sono crollati del 29%. In particolare sono stati solo 33.123 i dipendenti che nel 2019 hanno lasciato il lavoro a 67 anni mentre 126.107 sono andati in pensione anticipata. E’ quanto emerge dal monitoraggio Inps sui flussi di pensionamento secondo il quale tra le pensioni liquidate ai lavoratori dipendenti nell’anno il 20,8% ha riguardato le pensione di vecchiaia e il 79,2% quelle legate all’anzianità contributiva. In pratica quattro su cinque dei nuovi pensionati dipendenti sono usciti con un’età inferiore a quella di vecchiaia grazie all’introduzione della cosiddetta Quota 100 (almeno 62 anni di età e 38 di contributi) e al mantenimento dei requisiti per l’anticipata basata solo sui contributi (42 anni e 10 mesi per gli uomini) oltre alla…

fonte