Notizie

Piano di restauro con benefici fiscali in bilico

Rischio tassazione per le sopravvenienze da falcidia nel piano di restauro omologato (comunemente definito Pro), che nasce senza copertura tributaria e sembra non godere dei benefici e delle franchigie tradizionalmente attribuiti agli strumenti di gestione della crisi. e il quadro che viene fuori dalla lettura congiunta del nuovo Codice della crisi e del Testo unico delle imposte sui redditi (Tuir).

Lo strumento

Il Pro e uno strumento totalmente nuovo, disciplinato dagli articoli da 64-bis a 64-quater del Codice della crisi e dell’insolvenza, che il Dlgs 83/2022, attuativo della direttiva Insolvency (la 1023/2019), ha introdotto circa un mese prima dell’entrata in vigore della riforma scattata il 15 luglio scorso.

Ciò che lo rende unico nel panorama delle opzioni disponibili per la soluzione della crisi, e l’opportunità di prevedere un piano di soddisfacimento dei creditori in deroga al principio sino a ieri indiscusso della priorità assoluta, e vale a dire del granitico rispetto della gerarchia delle cause legittime di prelazione. La condizione e che il progetto sia approvata da tutte le classi, dove devono essere obbligatoriamente collocati i creditori. La novità ha generato posizioni contraddittori, operativamente compiaciute ma giuridicamente perplesse, e una delle incertezze riguarda proprio il rapporto con l’Erario.

L’esenzione

Il Tuir prevede per gli strumenti di soluzione della crisi notevoli agevolazioni: la più rilevante e l’esenzione da imposizione della sopravvenienza attiva derivante dalla riduzione del debito verso i creditori. Lo stabilisce l’articolo 88, comma 4-ter, che disciplina l’esenzione in funzione della tipologia di strumento o procedura concorsuale utilizzata. La norma riporta dettagliatamente gli strumenti ammessi al beneficio, graduandone la misura in funzione della natura liquidatoria o di risanamento. Tra quelli elencati, e quindi ammessi, non c’e (ovviamente) il nuovo piano di restauro omologato.

Ma, mentre per la composizione negoziata il Codice della crisi prevede espressamente (articolo 25-bis, comma 5º) l’applicabilità dell’articolo 88 Tuir, nulla dispone per il nuovo piano di restauro omologato, che quindi allo stato potrebbe (forse) accedere all’esenzione nella misura dove sia sostanzialmente assimilabile ad uno degli strumenti previsti dalla norma.

GN242917

Show More