Dow Jones

Pnrr: Ue invia al Tesoro prima rata da 25 mld (Rep)



Un tempo, neanche troppo lontano, con cifre del genere ci facevi una Finanziaria. Nell’era pandemica, la prima imminente rata del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) da 25 miliardi su 191,5 entro il 2026 – rappresenta appena un acconto, un primo assegno che Bruxelles stacca all’Italia per spingerne la ripartenza.

Lo scrive La Repubblica aggiungendo che il bonifico più alto nella storia d’Italia e forse d’Europa a un singolo Paese finirà nelle prossime ore (si dice lunedì) dritto in un doppio conto di tesoreria del ministero dell’Economia. Di lì prenderà la via di enti locali e ministeri che dovranno tradurlo in progetti e investimenti: 105 in soli 5 mesi. Non sarà però sempre così. La regola che caratterizza i fondi del Recovery non è quella dell’anticipo (ti do i soldi e tu li spendi) o del piè di lista (mi mandi lo scontrino e io rimborso, come coi fondi strutturali europei). Con il Pnrr la musica cambia. Con l’eccezione dei 25 miliardi, il resto del super bottino targato Ue – fatto di sovvenzioni, ma anche prestiti perché nessun pasto è mai gratis sarà via via anticipato dall’Italia, messo a fruttare nei progetti individuati dal governo e approvati da Bruxelles e solo dopo reintegrato dall’Europa nel bilancio italiano qualora i “target e milestones”, gli obiettivi e i traguardi saranno centrati. Non conta solo spendere nei tempi, ma farlo bene.

Tecnicamente i soldi atterrano nel “Fondo di rotazione per l’attuazione del Next Generation Eu-Italia” creato dalla legge di bilancio dell’ultimo governo Conte, nel dicembre scorso. I 25 miliardi troveranno compagnia, perché il Fondo è già stato dotato di 32,8 miliardi di risorse nazionali per il 2021 (40,3 per il 2022, 44,6 per il 2023). Risorse versate in due distinti conti correnti infruttiferi che hanno amministrazione autonoma e costituiscono gestione fuori bilancio: uno intitolato “Contributi a fondo perduto” e l’altro “Contributi a titolo di prestito”. Anche i 25 miliardi in arrivo hanno questa duplice natura perché rappresentano il 13% di tutte le sovvenzioni (68,9 miliardi in totale) e il 13% dei prestiti (122,6 miliardi): 9 e 16 miliardi, rispettivamente. Per un totale di 25 miliardi, appunto.

La prima tranche del Recovery planerà dunque nei due conti correnti del ministero dell’Economia che a sua volta erogherà le somme alle amministrazioni titolari degli interventi del Pnrr con versamenti in apposite contabilità speciali. L’obbligo, per queste amministrazioni, sarà poi di rendicontare periodicamente al ministero dell’Economia l’uso delle risorse, lo stato di attuazione dei progetti, il grado di raggiungimento dei risultati previsti (i famosi “target e milestones”) perché poi il governo italiano sia in grado di riportare il tutto alla Commissione europea. In attesa dell’ok e delle altre rate.

pev

(END) Dow Jones Newswires

August 06, 2021 03:42 ET (07:42 GMT)

Segnali:

Manovra: dal taglio delle tasse alle pensioni, tutte le misure
... per aumentare le indennità dei sindaci delle grandi città, per stanziare 4 miliardi in più per ... 8 MLD PER IRPEF E IRAP, AGENZIA UNICA ENTRATE - RISCOSSIONE ...
Intesa, Unicredit, Ifis aderiscono alla Net-Zero Banking Alliance in attesa di Cop 26
ROMA (MF-DJ)--Le trattative tra il Tesoro e UniCredit su Mps proseguono senza sosta. E l'obiettivo condiviso da ... atteso al 2021 di 8,2 volte contro le 9,7 volte della concorrenza in Ue.
I dubbi sul sostegno della Fed frenano le Borse. Milano (+0,3%) tiene con auto e oil
L'indice si è confermato comunque ben sopra quota 25.000 punti, dopo avere toccato nelle sedute precedenti i massimi da ottobre ... i Rep, propone imposta aziende al 15% Il presidente americano ...
Coronavirus oggi. Austria, lockdown solo per non vaccinati
Schallenberg ha espresso l’auspicio che questa possibilità invii un segnale ai troppo “esitanti e ritardatari”. Al momento ... 25 nuovi decessi nelle ultime 24 ore e da quando è iniziata ...

Pnrr: EU sends first installment of 25 billion to the Treasury (Rep)

A time, not too far away, with such figures you made us a budget. In the pandemic era, the first impending installment of the National Recovery and Resilience Plan (Pnrr) of 25 billion out of 191.5 by 2026 - represents just a down payment, a first check that Brussels gives to Italy to push it to restart.

La Repubblica writes it adding that the highest transfer in the history of Italy and perhaps of Europe to a single country will end up in the next few hours (it is said Monday) straight into a double treasury account of the Ministry of Economy. From there it will take the path of local authorities and ministries that will have to translate it into projects and investments: 105 in just 5 months.