Reddito di cittadinanza anche cash e stretta sui finti genitori single: come cambia il Decretone

Una stretta contro i “furbetti” dell’Isee per «evitare comportamenti opportunistici» ed escludere dall’accesso al Reddito di cittadinanza i “finti” genitori single. È quanto prevede uno dei 14 emendamenti al Decretone su Rdc e pensioni (Dl 4/2019) depositati in commissione Lavoro e Affari sociali della Camera dalle relatrici Elena Murelli (Lega) e Dalila Nesci (M5S). Si prevede che in presenza di figli minori vada presentato l’Isee che tiene conto della situazione di entrambi i genitori anche quando non siano né sposati né conviventi. L’obbligo salta se uno dei due si è sposato o ha avuto figli con altri o se c’è un assegno di mantenimento stabilito dal giudice.

Domanda per il reddito anche ai patronati
Un altro emendamento del “pacchetto” depositato dalle relatrici dà la possibilità di presentare domanda per il reddito di cittadinanza, oltre che ai Caf, anche ai patronati, e non più solo per la pensione di cittadinanza come stabilito al Senato in prima lettura. L’intervento, si legge nella relazione illustrativa all’emendamento, «si pone nell’ottica della multicanalità nella presentazione delle domande di reddito e pensione ad oggi inoltrate con credenziali Spid ovvero per il tramite di Poste e centri di assistenza fiscale». La misura non ha oneri a carico della finanza pubblica: «Non è previsto un incremento del Fondo patronati per l’anno 2019»,, specifica la relazione.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer