Reddito di cittadinanza: arriva l’emendamento contro i finti divorziati

L’art. 1, comma 6 del decreto legge sul Reddito di cittadinanza esclude dall’accesso al reddito i coniugi separati e divorziati “qualora continuino a risiedere nella stessa abitazione“. Come già segnalato, la previsione normativa si prestava a facili strumentalizzazioni: per ottenere il beneficio statale, due coniugi potrebbero, in mancanza di correzioni, far finta di separarsi, cambiare solo nominalmente la residenza di uno dei due in Comune e fare domanda per ottenere l’accesso al RDC.

Ed è così partita la gara dei furbetti: in alcune zone d’Italia abbiamo visto lunghe code all’ufficio dell’Anagrafe proprio in concomitanza con l’approvazione del decreto legge. Un afflusso di richieste di cambio di residenza che ha fatto ben comprendere al nostro legislatore che il rischio paventato rischiava di diventare reale e che il sistema…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer