Reddito di cittadinanza, è corsa contro il tempo per il via ad aprile

Approvato giovedì sera in Cdm il decreto reddito di cittadinanza-quota 100, è ora corsa contro il tempo per far partire il sito per il reddito di cittadinanza a marzo e le erogazioni a fine aprile, come ha assicurato il vicepremier Luigi di Maio. Il testo definitivo del provvedimento potrebbe essere pubblicato in Gazzetta ufficiale già domani, per essere subito dopo incardinato in Parlamento (alla Camera).

Macchina in moto con pubblicazione in Gazzetta
Il Parlamento, che dovrà convertire il decreto entro 60 giorni, potrà apportare modifiche. Ma con la pubblicazione in Gazzetta la macchina si metterà subito in moto. Sul fronte pensioni non ci sono problemi particolari. Chi è interessato a uscire con quota 100 (62 di età e 38 di contributi) può controllare sul portale dell’Inps “La mia pensione” a quanto ammonta la riduzione dell’assegno dovuta ai 5 anni di pensionamento anticipato. E poi può fare domanda. I problemi sono soprattutto sul fronte del reddito di cittadinanza. In particolare l’avvio del reddito è legato a una serie di adempimenti (decreti ministeriali, verifiche da parte di Inps e Comuni, circolari attuative) da varare in tempi strettissimi, pena lo slittamento dell’operatività della nuova misura.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer