Reggio Calabria, blitz contro la cosca Serraino: 12 arresti. Boss corrompe un agente con 500 euro e fa entrare un cellulare in carcere


Reggio Calabria, blitz contro la cosca Serraino: 12 arresti. Boss corrompe un agente con 500 euro e fa entrare un cellulare in carcere

Corrompendo con 500 euro un agente della polizia penitenziaria, il boss Maurizio Cortese è riuscito a fare entrare in carcere un cellulare con il quale comunicava con i propri affiliati e continuava a gestire gli affari della cosca Serraino. Quanto successo nella casa circondariale di Torino è emerso nell’inchiesta “Pedegree” della Dda di Reggio Calabria. Il poliziotto non è stato ancora identificato ma l’indagine stamattina all’alba ha portato all’arresto di 12 persone accusate di associazione mafiosa, estorsione, intestazione fittizia di beni, danneggiamento, porto e…

Reggio Calabria, blitz contro la cosca Serraino: 12 arresti. Boss corrompe un agente con 500 euro e fa entrare un cellulare in carcere

visita la pagina