Renzi senior, «contraddizioni nella difesa». Le quattro inchieste per fatture false

«Contraddizioni logiche nella narrazione» difensiva di Tiziano Renzi e Laura Bovoli che non consentono la revoca degli arresti domiciliari. Il gip di Firenze conferma l’indagine coordinata dal procuratore capo Giuseppe Creazo, su un giro di fatture false e bancarotte fraudolente orchestrato – stando all’accusa – dai genitori dell’ex leader del Pd Matteo Renzi. Un «sistema» che ruoterebbe attorno a una serie di cooperative costituite per consentire alla società di famiglia, la “Eventi 6”, di avere a disposizione lavoratori dipendenti senza dover sopportare gli oneri previdenziali ed erariali, tutti spostati sulle cooperative stesse.

Le quattro inchieste per falsa fatturazione
Il quadro investigativo è abbastanza variegato, in quanto allo stato risultano esserci quattro diverse indagini sulle presunte «opache» operazioni imprenditoriali di Tiziano Renzi e Laura Bovoli. Ma andiamo con ordine: due sono state istruite dai pm di Firenze, una da quelli di Cuneo e un’altra da quelli di Genova.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer