Rete idrica, nel Sud Italia è ancora un colabrodo

“Le condutture idriche nelle isole e nel sud Italia fanno acqua da tutte le parti. Ci sono aree con picchi di perdite anche del 50%”. Non usa mezze parole Giovanni Valotti, presidente di Utilitalia,la federazione italiana delle imprese, pubbliche e private, che servono l’acqua a oltre otto cittadini italiani su dieci, e presidente di una delle principali multiutility italiane, A2A. Illustra alcuni dei dati in pubblicazione sul Blue Book 2019, lo studio annuale sullo stato di salute dei nostri acquedotti e della nostra rete.  E descrive un’Italia spaccata a metà: con un Meridione dove in questi anni si è investito poco in tubature, manutenzioni, e depuratori e un Nord messo meglio”.

Ci sono circa 2mila comuni che gestiscono da soli l’acqua e investono appena 4 euro annui per abitante nella rete idrica. Questi si…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer