Revenge porn, proposta M5S: reclusione per chi diffonde video senza il consenso della persona coinvolta

Un disegno di legge di tre articoli che mette nel mirino il “revenge porn”. Si tratta della diffusione pubblica di immagini o video sessualmente espliciti senza il consenso delle persone coinvolte. È una pratica sempre più diffusa in Rete. L’iniziativa è stata promossa da una senatrice pentastellata, Elvira Lucia Evangelista.

La proposta di legge (dal titolo “Introduzione dell’articolo 612-ter del codice penale in materia di pubblicazione e diffusione di immagini o video privati sessualmente espliciti senza il consenso delle persone rappresentate”) è stata posta sulla piattaforma Rousseau, lex Parlamento, per la condivisione con gli iscritti e per i loro suggerimenti (fino al 21 aprile). Nel Ddl ci sono anche misure per ottenere la cancellazione delle immagini dalla rete e per rafforzare la consapevolezza e l’educazione civica sul tema.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer